Camera, disegno di legge   presentato da Gabriella CARLUCCI (UDC) e altri

Disposizioni per assicurare la tutela della legalità nella rete internet e delega al Governo per l'istituzione di un apposito comitato presso l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

  • presentato il: 11/02/2009
  • tipo di iniziativa: Parlamentare
  • link alla fonte
  • ultimo status: 12/03/2009 Camera: assegnato (non ancora iniziato l'esame)
  • tutti gli status [ apri ]

iter parlamentare del disegno di legge:  
  • 11/02/2009C.2195

    presentato alla Camera

  •  C.2195

    da approvare alla Camera

  •  

    da approvare al Senato

  •  

    diventa legge

leggi i testi ufficiali dell'atto e aggiungi le tue note :

  note degli utenti coo-mind
1 testo del ddl 0  
descrivi insieme agli altri utenti questo atto:

qui sotto puoi inserire o modificare la descrizione per questa votazione. Per modificare effettua il login

Il disegno di legge si propone di combattere i comportamenti illegali in internet introducendo il divieto di pubblicare contenuti anonimi.

Nelle intenzioni della proponente On. Gabriella Carlucci scopo dell'iniziativa è in particolare quello di contrastare la pedofilia:

“Non possiamo continuare a permettere che orchi travestiti da agnellini, sfruttando l’anonimato assicurato dalla rete, utilizzino Internet per adescare giovani prede. Il caso del professionista di una cittadina vicino Napoli, arrestato ieri con l’accusa di aver adescato una minorenne offrendo false generalità e fingendosi suo coetaneo, lo dimostra drammaticamente. Dietro nickname fantasiosi spesso si nascondono terribili pericoli per i nostri figli. Per questo ho presentato una proposta di legge che, implicando l’obbligo della tracciabilità di chi pubblica e di cosa viene pubblicato su Internet, impedisca di fatto il ripetersi di casi analoghi."

Successivamente è stato rivelato che autore della proposta era l'Avv. Davide Rossi Pres. di Univideo (associazione dei produttori di audiovisivi in Italia). L'On. Carlucci così spiega l'accaduto:

«Caro Giacomo, non ci sono segreti da svelare: i miei collaboratori hanno seguito l'intervento dell'avv Davide Rossi (che tra le altre cose è anche e non solo Presidente di Univideo) nel convegno organizzato da Assodigitale il 15 gennaio us e ho avuto modo di condividere alcune idee con lui, chiedendogli di mandarmi una nota con alcuni spunti normativi. Per esempio quello della responsabilità dei propri atti, anche se compiuti via internet, ovvero non si può lanciare il sasso e nascondere la mano. Sarà sicuramente d'accordo con me inoltre sul fatto che la direttiva del 2000 è stata concepita e approvata quando internet non era web 2.0 ma vi erano semplicemente siti più facilmente identificabili in caso di violazione. Oggi invece è molto facile lanciare un forum di discussione con un titolo ben preciso e lasciare che sia il polo della rete, in maniera anonima a compiere reati quale la diffamazione, l'ingiuria, la calunnia. Ma vi è di più. Chi è andato a controllare le proprietà dei documenti relativi alla proposta di legge pubblicati su Internet, ha recuperato le generalità dell'autore del documento ma si è stranamente dimenticato di citare la denominazione dei files. Circostanza davvero singolare per soggetti che chiedono e pretendono trasparenza. La vera e reale finalità della mia iniziativa, al contrario di quanto maliziosamente riportato, si evidenzia dal fatto che i due documenti recano titoli inequivocabili: pedo_relazione e pedo_proposta. Sono ora io che vi chiedo come mai avete occultato un dato così rilevante per comprendere la mia personale buona fede. Questa circostanza è un vero e proprio boomerang per quanti come voi chiedono di operare sulla rete senza vincoli nè regole e la dimostrazione palese dei pericoli che viaggiano sulla rete. Ma quando ad essere occultata è la denominazione di un documento nessun problema sotto il profilo giudiziario o penale. Cosa ben diversa quando ad essere ocultate sono le generalità di un criminale pronto ad abusare sessualmente dell'ingenuità di un minore innocente ed indifeso. Spero che di fronte alle mie spiegazioni chi mi ha offeso selvaggiamente e senza motivo abbia la compiacenza ed il buon gusto di chiedermi almeno scusa. in ogni caso io vado avanti per la mia strada, sicura e conscia della bontà e la necessità della mia iniziativa. Cordiali saluti».

Firmato: Gabriella Carlucci.

primi firmatari:
relatori:

che cosa sono i firmatari

che cosa sono i relatori

273 Gabriella CARLUCCI (Popolo della Libertà)
commissioni assegnatarie in sede referente:

cosa sono le commissioni

guarda le commissioni in sede consultiva [ apri ]

monitora questo atto

che significa monitorare

avvia il monitoraggio

6 utenti monitorano questo atto

questi utenti monitorano anche...


sei favorevole o contrario?
Così hanno votato gli altri 11 utenti
9%
1 utente favorevole ha votato anche...
91%
10 contrari hanno votato anche...