Articolo aggiuntivo n. 8.09 al ddl C.6 in riferimento all'articolo 8.
  • presentato il 22/05/2008 in Assemblea della Camera dal Governo.
  • status: Approvato

testo emendamento del 22/05/08

Dopo l'articolo 8, aggiungere il seguente:
Art. 8-bis. (Disposizioni relative ai requisiti per l'esercizio delle funzioni di comandante e di primo ufficiale di coperta a bordo delle navi battenti bandiera italiana. Ricorso ex articolo 226 del Tratto che istituisce la Comunità europea nell'ambito della procedura d'infrazione n. 2004/2144). - 1. A bordo delle navi battenti bandiera italiana il comandante ed il primo ufficiale di coperta, se svolge le funzioni del comandante, devono essere cittadini di uno Stato membro dell'Unione europea o di un altro Stato facente parte del Trattato dello Spazio economico europeo. L'accesso a tali funzioni è subordinato al possesso di una qualificazione professionale e ad una conoscenza della lingua e della legislazione italiana che consenta la tenuta dei documenti di bordo e l'esercizio delle funzioni pubbliche delle quali il comandante è investito.
2. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti sono determinati i programmi di qualificazione professionale, nonché l'organismo competente allo svolgimento delle procedure di verifica dei requisiti di cui al comma 1.

testo modificato in corso di seduta del 28/05/08

Dopo l'articolo 8, aggiungere il seguente:
«Art. 8-bis. (Disposizioni relative ai requisiti per l'esercizio delle funzioni di comandante e di primo ufficiale di coperta a bordo delle navi battenti bandiera italiana. Ricorso ex articolo 226 del trattato che istituisce la Comunità europea nell'ambito della procedura d'infrazione n. 2004/2144)».

1. Dopo l'articolo 292 del codice della navigazione, è inserito il seguente:
«Art. 292-bis. (Requisiti per l'esercizio delle funzioni di comandante e di primo ufficiale di coperta). - 1. A bordo delle navi battenti bandiera italiana il comandante ed il primo ufficiale di coperta, se svolge le funzioni del comandante, devono essere cittadini di uno Stato membro dell'Unione europea o di un altro Stato facente parte del Trattato dello Spazio economico europeo. L'accesso a tali funzioni è subordinato al possesso di una qualificazione professionale e ad una conoscenza della lingua e della legislazione italiana che consenta la tenuta dei documenti di bordo e l'esercizio delle funzioni pubbliche delle quali il comandante è investito.
2. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti sono determinati i programmi di qualificazione professionale, nonché l'organismo competente allo svolgimento delle procedure di verifica dei requisiti di cui al comma 1».