Articolo aggiuntivo n. 1.01 al ddl C.1813 in riferimento all'articolo 1.
  • status: Inammissibile

testo emendamento del 05/11/08

Dopo l'articolo 1, aggiungere il seguente:

Art. 1-bis.

1. L'esecuzione forzata per rilascio ai sensi del libro III, titolo III, del codice di procedura civile che non sia fondata su verbale di conciliazione giudiziale e che abbia ad oggetto beni immobili adibiti prevalentemente all'esercizio di attività sanitarie o sociosanitarie, anche se gestite da privati, non può essere disposta senza l'autorizzazione del Sindaco del comune nel quale si trova l'immobile.
2. Al fine del rilascio dell'autorizzazione di cui al comma 1, il sindaco acquisisce il parere della giunta regionale in relazione al fabbisogno complessivo delle attività sanitarie e sociosanitarie in rapporto alla localizzazione territoriale della struttura sanitaria o sociosanitaria esistente nell'immobile oggetto della procedura esecutiva di rilascio.
3. Nel rilasciare l'autorizzazione di cui al comma 1, il sindaco può differirne gli effetti fino ad un massimo di 36 mesi dalla data di sua emanazione.
4. Le disposizioni che precedono si applicano anche alle procedure in corso e comunque a tutte quelle esecutive di rilascio già pendenti alla data di entrata in vigore della presente legge.