Ordine del Giorno n. G/1715/1/3e4 al ddl S.1715

testo emendamento del 31/07/09

Le Commissioni riunite 3a e 4a,

        premesso che:

            l'impegno della comunità internazionale in Afghanistan si deve misurare con difficoltà e situazioni di estremo rischio che non possono essere affrontate esclusivamente con azioni di tipo militare che vanno affiancate da iniziative di ricostruzione e cooperazione a sostegno delle popolazioni locali;

            l'accentuazione dell'azione diplomatica e di cooperazione, essenziali per sostenere un reale processo di stabilizzazione, costruzione della pace e aumento della sicurezza, debbono caratterizzare ancora di più l'impegno italiano in Afghanistan;

            la protezione dei civili rappresenta una condizione essenziale e irrinunciabile per il successo delle operazioni militari che si prefiggono la stabilizzazione dell'Aghanistan;

            è altresì importante indirizzare gli sforzi per colpire soprattutto le transazioni finanziarie che alimentano il circuito della droga attraverso il commercio dell'oppio e le attività illegali ad esso collegate, fino ad arrivare al finanziamento del terrorismo,

        impegnano il Governo:

            ad assumere adeguate iniziative diplomatiche in sede internazionale per sostenere il processo di stabilizzazione e caratterizzare l'impegno italiano nelle attività di cooperazione a sostegno delle popolazioni dell'area afgana;

            ad agire in tutte le sedi competenti al fine di ottenere che i massimi responsabili delle operazioni militari condotte in Afganistan continuino ad esercitare il massimo controllo possibile per evitare il coinvolgimento della popolazione civile nel conflitto;

            a sostenere le autorità afgane nello sforzo di avviare un'efficace e determinata azione di riconversione della coltivazione di oppio, struttura portante del finanziamento di organizzazioni terroristiche, anche con azioni di repressione e controllo frontalieri e di monitoraggio delle transazioni bancarie.