Ordine del Giorno n. G/1209/67/5 al ddl S.1209
  • status: Respinto

testo emendamento del 05/12/08

RESPINTO

La 5 Commissione permanente,

        in sede di esame della disegno di legge AS 1209 recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge frnanziaria 2009);

        premesso che:

            con un insieme di interventi il Governo sta trasformando le politiche di sviluppo territoriale in corso da un decennio;

            l'impatto di queste scelte sarà fortissimo e tale da accrescere le profonde difficoltà economiche in cui si trovano le regioni del Mezzogiorno;

            i provvedimenti varati dal Governo in questi primi mesi della legislatura hanno già fortemente penalizzato il Mezzogiorno, con il taglio di quasi 2 miliardi di euro dedicati alle infrastrutture stradali di Sicilia e Calabria;

            un taglio ancor più rilevante è stato operato con il decreto-legge n. 112 del 2008, che ha ridotto la dotazione finanziaria della Missione «Sviluppo e riequilibrio territoriale» del Ministero per lo sviluppo economico per il triennio 2009-2011 di ben 7,9 miliardi, su 19 precedentemente disponibili. Si tratta di fondi FAS, destinati per l'85 per cento al Mezzogiorno;

            è stato abbandonato l'automatismo del credito d'imposta per i nuovi investimenti nelle aree sottoutilizzate in favore del ritorno alla vecchia e fallimentare logica discrezionale e ai pesanti adempimenti amministrativi del passato;

            il provvedimento in esame non prevede nessuna misura in favore del Mezzogiorno,

        impegna il Governo:

            a restituire piena operatività agli strumenti automatici di incentivazione, quale il credito d'imposta sugli investimenti nel Mezzogiorno, lacui efficacia risulta vanificata dal ripristino dei tetti finanziari e dagli appesantimenti amministrativi connessi al meccanismo della prenotazione.