Ordine del Giorno n. G3.101 al ddl S.866 in riferimento all'articolo 3.
  • status: Accolto (Accolto dal Governo)

testo emendamento del 17/07/08

Il Senato,

            in occasione della conversione in legge del decreto-legge 27 maggio 2008, n. 93,

        premesso che:

            l'attuale situazione di crisi a livello mondiale sta investendo, anche nel nostro Paese, il comparto economico-finanziario;

            nel settore dei mutui, anche se fortunatamente ancora in maniera limitata rispetto agli Stati Uniti d'America, questa situazione di difficoltà sta interessando circa 350.000 famiglie italiane, che hanno difficoltà nel pagamento regolare delle rate del mutuo contratto per l'acquisto della prima casa;

            sono stati avanzati recenti richiami da parte della Comunità europea allo Stato italiano, finlizzati all'approvazione di misure dirette alla semplificazione nel trasferimento degli immobili ed anche l'Autorità garante della Concorrenza si è espressa in tal senso;

            è necessario che misure di semplificazione vengano adottate anche con riferimento ad ulteriori attività, quale, ad esempio, l'autentica di firma sugli atti di surroga ipotecari, così da consentire ai cittadini di non subire ulteriori aggravi di costi, nel caso decidano di trasferire il proprio mutuo da un istituto di credito ad un altro che applica migliori condizioni, così come previsto dalla legge 40/2007;

            i vantaggi previsti da questa legge in materia di portabilità dei mutui è stata, nei fatti, limitata nella sua portata, a causa dei costi ingenti per gli onorari notarili;

            sarebbe auspicabile abolire alcune restrizioni poste dalle normative in materia di serviizi professionali, al fine di promuovere la concorrenza e migliorare il rapporto qualità-prezzo, per offrire ai consumatori e alle imprese servizi di più alto valore e maggiori occasioni di scelta. Un passo avanti in tal senso verrebbe offerto consentendo ad altri soggetti la possibilità di autenticare le firme in caso di mutuo, apertura di credito o altri contratti di finanziamento,

        impegna il Governo:

            a valutare la possibilità di estendere anche ad altri soggetti la possibilità dell'autenticazione della sottoscrizione degli atti e delle dichiarazioni aventi ad oggetto la costituzione e la modificazione dei diritti sui beni immobili al fine dell'erogazione dei finanziamenti.

________________

(*) Accolto dal Governo