Ordine del Giorno n. G6.100 al ddl S.692 in riferimento all'articolo 6.

testo emendamento del 17/06/08

Il Senato,

        premesso che:

            il contrasto della criminalità ed il controllo del territorio sono impegni doverosi che la maggior parte dei sindaci persegue come obbligo nei confronti dei propri concittadini e come promessa elettorale;

            il fenomeno in crescita della immigrazione clandestina e della criminalità interna, correlate anche al peggioramento negli ultimi anni del contesto sociale ed economico nazionale ed internazionale, rendono prioritaria l'adozione di provvedimenti, volti ad assicurare una convivenza civile fra i cittadini ed il rispetto della legalità e della proprietà privata;

            oltre alla efficace azione svolta dalle Forze dell'ordine, si ritiene che un'azione svolta capillarmente sui territori comunali possa dare un notevole contributo al mantenimento dell'ordine pubblico nazionale;

            l'adozione da parte dei sindaci dei più moderni dispositivi di sicurezza, quali dispositivi di video-sorveglianza, possono sia disincentivare le azioni criminali, sia contribuire all'individuazione e arresto degli autori di crimini e rapine;

            le risorse finanziarie che i sindaci vorrebbero impiegare per acquisire strumenti per la sicurezza o incrementare il personale addetto alla sicurezza sono soggette alle limitazioni di spesa dettate dagli obblighi del rispetto del patto di stabilità,

        considerato che:

            per le spese destinate alla sicurezza è necessario consentire una maggiore flessibilità di bilancio ai sindaci;

        impegna il Governo:

            in sede di sessione di bilancio per il triennio 2009-2011, ai fini del computo del saldo finanziario di cui al comma 683 dell'articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e successive modificazioni, ad escludere le spese sostenute dai comuni per finalità di sicurezza pubblica e contrasto alla criminalità, correlate sia all'acquisto di strumenti, dotazioni tecniche e dispositivi di video-sorveglianza, sia all'incremento di risorse umane.