Ordine del Giorno n. G/3627/6/10 e 13 al ddl S.3627

descrivi insieme agli altri utenti questo emendamento:

qui sotto puoi inserire o modificare la descrizione. Per modificare effettua il login

Inserire qui una descrizione dell'emendamento.

sei favorevole o contrario?
Nessuno ha ancora votato

testo emendamento del 20/12/12

sharingList();

Le Commissioni 10ª e 13ª riunite,

            nell'ambito dell'esame dell'A.S. 3627 recante «Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 3 dicembre 2012, n. 207, recante disposizioni urgenti a tutela della salute, dell'ambiente e dei livelli di occupazione, in caso di crisi di stabilimenti industriali di interesse strategico nazionale»,

        premesso che:

            nella legge di Stabilità 2013 in via di approvazione è stata inserita una norma che dispone una diversa ripartizione dei proventi derivanti dall'IMU tra i Comuni e lo Stato;

            in particolare, si prevede che a partire dal 2013 i proventi rivenienti da immobili produttivi siano totalmente assegnati allo Stato, superando l'attuale riparto del cinquanta per cento;

tale norma, in particolare, nelle realtà locali ove insistono grandi inpianti industriali produrrà un notevole effetto negativo in termini di saldi finanziari con consistenti minori entrate per le casse carnmali;

            nello specifico questa nuova disposizione avrà un impatto negativo proprio sui Comuni che soffrono di pesanti criticità e vincoli ambientali proprio per la presenza sul proprio territorio di grandi insediamenti industriali, a cominciare dall'ILVA di Taranto o le centrali a carbone e il polo chimico di Brindisi o, ancora più in generale, i Comuni ricadenti nelle aree cosiddette «Siti di interesse nazionale»;

        si impegna il Governo:

            a valutare nei prossimi provvedimenti di natura finanziaria la possibilità di rivedere tale ripartizione dei proventi dell'IMU riconsiderando l'opportunità di non penalizzare i Comuni che rientrano nella fatti specie illustrata, già gravati dai pesanti impatti ambientali derivanti dall'ospitare sul proprio territorio grandi impianti industriali.