Ordine del Giorno n. G4.202 al ddl S.3519 in riferimento all'articolo 4.
descrivi insieme agli altri utenti questo emendamento:

qui sotto puoi inserire o modificare la descrizione. Per modificare effettua il login

Inserire qui una descrizione dell'emendamento.

sei favorevole o contrario?
Nessuno ha ancora votato

testo emendamento del 26/11/12

Il Senato,

            in sede di esame del disegno di legge n. 3519 concernente «Delega al Governo recante disposizioni per un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita»;

        premesso che:

            l'articolo 4, nel comma 7, lettera l) prevede importanti misure a favore del settore ippico: l'istituzione di un'Associazione senza fine di lucro rappresentativa dei soggetti con funzioni imprenditoriali, la creazione di un fondo annuale di dotazione per lo sviluppo e la promozione del settore ippico finanziato da risorse private, l'attribuzione al Ministero delle politiche agricole agroalimentari e forestali e al Ministero dell'economia e delle finanze, insieme alla suddetta Associazione, delle funzioni di regolazione e controllo delle corse ippiche nonché della gestione del fondo e delle attività di promozione degli eventi ippici e di quelle rivolte al riordino delle scommesse ippiche in base al quarto punto della lettera l) del suddetto articolo 14;

            tali misure, che vedono al centro il rilancio dei criteri di imprenditorialità degli ippodromi, sono più che mai indispensabili per la sopravvivenza del settore ippico nazionale che da anni versa in una situazione di drammatica difficoltà per il calo delle scommesse;

            a dicembre 2012, per tale stato di sofferenza e per il ritardo di una riforma, viene ormai paventata la chiusura di uno degli ippodromi storici più famosi a livello nazionale e internazionale come quello di San Siro a Milano,

        impegna il Governo:

            ad adottare le misure di cui all'articolo 4, comma 7, lettera l), volte al rilancio del settore ippico, entro il termine di tre mesi dall'approvazione del presente disegno di legge, al fine di evitare l'imminente chiusura di prestigiosi ippodromi storici italiani, con la probabile compromissione dell'intera filiera dell'ippica italiana.