Ordine del Giorno n. G/3519/3/6 al ddl S.3519
  • status: Inammissibile (DECADUTO)

descrivi insieme agli altri utenti questo emendamento:

qui sotto puoi inserire o modificare la descrizione. Per modificare effettua il login

Inserire qui una descrizione dell'emendamento.

sei favorevole o contrario?
Nessuno ha ancora votato

testo emendamento del 21/11/12

Il Senato,

        in sede di esame del disegno di legge n. 3519 concernente "Delega al Governo recante disposizioni per un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita;

premesso che:

            l'articolo 3, comma 6, delega il Governo ad introdurre disposizioni dirette ad ampliare le possibilità di rateazione dei debiti tributari, in coerenza con la finalità di lotta all'evasione e con quella di garantire la certezza, l'efficienza e l'efficacia dell'attività di riscossione;

            in particolare, la lettera b) del medesimo comma consente al contribuente, anche ove la riscossione del debito sia concentrata nell'atto di accertamento, di richiedere la dilazione di pagamento prima dell'affidamento in carico all'agente della riscossione, nel caso in cui si dimostri di versare in temporanea situazione di difficoltà;

            il comma 12 dello stesso articolo 3 delega il Governo ad introdurre, altresì, norme dirette a favorire le procedure di riscossione delle entrate degli enti locali, a rafforzare la tutela giurisdizionale del contribuente e ad accelerare le procedure di definizione delle controversie, prevedendo, tra l'altro, un ampliamento delle possibilità di rateizzazione, in connessione a comprovate situazioni di difficoltà finanziaria, e riduzione delle sanzioni in caso di regolare adempimento degli obblighi dichiarativi;

            in un momento di crisi congiunturale come quello attuale, sono molti i contribuenti, semplici cittadini o imprese, che si trovano in difficoltà nel fare fronte ai pagamenti dovuti per i tributi non versati, sebbene operino nella massima trasparenza e correttezza nei confronti del Fisco;

        impegna il Governo:

            a valutare l'opportunità di adottare iniziative volte a prevedere nei confronti di cittadini ed imprese che si trovino in condizioni momentanee di comprovate difficoltà finanziarie, dovute alla crisi congiunturale, ma che operano nella massima correttezza fiscale, oltre alla possibilità di rateizzazione dei debiti tributari, quella di una sospensione temporanea dei pagamenti dovuti.