Articolo aggiuntivo n. 3.0.10 al ddl S.3520 in riferimento all'articolo 3.

descrivi insieme agli altri utenti questo emendamento:

qui sotto puoi inserire o modificare la descrizione. Per modificare effettua il login

Inserire qui una descrizione dell'emendamento.

sei favorevole o contrario?
Nessuno ha ancora votato

testo emendamento del 31/10/12

Dopo l'articolo, aggiungere il seguente:

«Art.3-bis

(Istituzione di tre Macroregioni)

        1. L'articolo 131 della Costituzione è sostituito dal seguente:

"Art. 131. – Sono costituite le seguenti regioni:

a) Piemonte – Valle d'Aosta – Liguria – Lombardia – Veneto – Trentino-Alto Adige – FriuliVenezia Giulia;

b) Emilia Romagna – Toscana – Umbria – Lazio – Marche – Sardegna;

c) Abruzzo – Molise – Campania – Puglia – Basilicata – Calabria – Sicilia".

2. Sono abrogati:

            a) lo statuto della Regione siciliana, di cui al regio decreto legislativo 15 maggio 1946, n. 455, convertito in legge costituzionale dalla legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 2;

            b) lo statuto speciale per la Sardegna, di cui alla legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

            c) lo statuto speciale per la Valle d'Aosta, di cui alla legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 4;

            d) il testo unico delle leggi costituzionali concernenti lo statuto speciale per il Trentino-Alto Adige, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1972, n. 670;

            e) lo statuto speciale della regione Friuli-Venezia Giulia, di cui alla legge costituzionale 31 gennaio 1963, n. 1;

            f) la X disposizione transitoria e finale della Costituzione.

3. Conseguentemente, l'articolo 116 della Costituzione è abrogato.

4. Gli organi di governo delle regioni in carica alla data di entrata in vigore della presente legge costituzionale continuano ad esercitare le loro funzioni fino alla data della proclamazione del Presidente della giunta di ciascuna delle tre regioni di cui all'articolo 2 della presente legge costituzionale.

5. Entro tre anni dalla data di entrata in vigore della presente legge costituzionale, sono indette le elezioni dei consigli regionali e dei Presidenti delle giunte regionali delle tre regioni di cui al comma 1.

6. Il Governo è delegato ad adottare, entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge costituzionale, un decreto legislativo recante la disciplina transitoria per lo svolgimento delle elezioni di cui al comma 2.

7. Lo schema di decreto legislativo di cui al comma 2 è adottato su proposta del Ministro dell'interno, previa intesa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, ed è trasmesso alle Camere per il parere delle Commissioni permanenti competenti per materia e per i profili di carattere finanziario, da esprimere entro sessanta giorni dalla data di trasmissione. Decorso il predetto termine, il decreto legislativo può comunque essere emanato.

8. I consigli regionali delle tre regioni di cui al comma 1 adottano un proprio statuto, ai sensi dell'articolo 123 della Costituzione, entro sei mesi dalla data della prima seduta successiva alle elezioni. I medesimi consigli approvano la legge elettorale ai sensi dell'articolo 122, primo comma, della Costituzione entro un anno dalla prima seduta successiva alle elezioni.».