Proposta di modifica n. 1.35 al ddl C.5440 in riferimento all'articolo 1.

testo emendamento del 02/10/12

  Dopo il comma 3 aggiungere i seguenti:
  3-bis. Dopo il comma 4 dell'articolo 10 del decreto legislativo n. 368 del 2001 è inserito il seguente:
  «4-bis. Nel rispetto dei vincoli finanziari che limitano, per il Servizio Sanitario Nazionale, la spesa di personale e il regime delle assunzioni, sono esclusi dall'applicazione del presente decreto i contratti a tempo determinato del personale assunto con procedure selettive ad evidenza pubblica del medesimo servizio sanitario, ivi compresi quelli dei dirigenti, in considerazione della necessità di garantire la costante erogazione dei servizi sanitari e il rispetto dei livelli essenziali di assistenza. In ogni caso non si applica l'articolo 5, comma 4-bis, del presente decreto.».

  3-ter. A decorrere dal 2013 le aziende sanitarie possono superare il limite di spesa del comma 28, dell'articolo 9, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, per le assunzioni strettamente necessarie a garantire la costante erogazione dei servizi sanitari e il rispetto dei livelli essenziali di assistenza; resta fermo che comunque la spesa complessiva non può essere superiore alla spesa sostenuta per le stesse finalità nell'anno 2009.
  3-quater. Nel rispetto della programmazione triennale del fabbisogno nonché dei vincoli finanziari previsti dalla normativa vigente in materia di assunzioni e di contenimento della spesa di personale, le aziende sanitarie possono bandire concorsi pubblici per le assunzioni a tempo indeterminato con una riserva di posti, non superiore al 20 per cento dei posti messi a concorso, nei limiti delle spese sostenute nel corso dell'esercizio 2011, per il personale del servizio sanitario nazionale con contratto di lavoro a tempo determinato che alla data d'indizione del bando stesso ha maturato, nell'ultimo quinquennio, tre anni di anzianità con contratto di lavoro a tempo determinato presso aziende sanitarie. Dette assunzioni non sono ricomprese nel numero di deroghe annualmente concesse in rapporto percentuale al personale cessato dal servizio.