Ordine del Giorno n. G37.200 al ddl S.3426 in riferimento all'articolo 37.
  • status: Precluso

descrivi insieme agli altri utenti questo emendamento:

qui sotto puoi inserire o modificare la descrizione. Per modificare effettua il login

Inserire qui una descrizione dell'emendamento.

sei favorevole o contrario?
Nessuno ha ancora votato

testo emendamento del 03/08/12

Il Senato,

        premesso che:

            il comma 1 dell'articolo 1-bis del decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo 1977, n. 235 riconosce alle Province autonome di Trento e di Bolzano per il rispettivo territorio la potestà legislativa in materia di concessioni di grandi derivazioni idroelettriche;

            in base al disposto di cui all'articolo 1-bis del D.P.R. 235 del 1977 le province autonome di Trento e di Bolzano hanno disciplinato, con proprie leggi, le procedure di gara per l'affidamento delle concessioni di

            grandi derivazioni idroelettriche,

        considerato che:

            i commi da 4 a 8 dell'articolo 37, nel testo del decreto-legge comprendente le modificazioni apportate dalla Camera dei Deputati, relativi alle concessioni idroelettriche prevedono, per le regioni e le province autonome la possibilità che la durata delle concessioni per grandi derivazioni idroelettriche salga dai 20 anni fino ad un massimo di 30 anni a seconda dell'entità degli investimenti ritenuti necessari, secondo criteri e parametri stabiliti col decreto interministeriale di cui al comma 2 dell'articolo 12 del d.Lgs. n. 79 del 1999, specificano la competenza delle regioni e province autonome come amministrazioni chiamate ad indire le gare e disciplinano anche i casi delle concessioni già scadute e in scadenza entro il 31 dicembre 2017 (per le quali non è applica bile il termine dì 5 anni prima della scadenza per l'indizione della gara);

            la formulazione dei commi da 4 a 8 dell'articolo 37, non tiene assolutamente conto della potestà legislativa di cui all'articolo 1-bis del D.P.R. 235 del 1977,

        impegna il Governo:

            a rivedere la disciplina di cui ai commi da 4 a 8 dell'articolo 37 del decreto-legge in esame al fine di salvaguardare il rispetto dell'autonomia riconosciuta alle province autonome di Trento e di Bolzano in materia di concessioni di grandi derivazioni idroelettriche.