Ordine del Giorno n. G4.102 al ddl S.3184-B in riferimento all'articolo 4.
  • status: Precluso

testo emendamento del 24/04/12

Il Senato,

        premesso che:

            Il Governo Berlusconi IV con l'emanazione del decreto-legge 93/2008, entrato in vigore il 29 maggio 2008, poi convertito in legge n.  126 del 2008 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.  174 del 26 luglio 2008, abolì del tutto l'Imposta comunale sugli immobili (ICI) sulla prima casa mantenendo l'esclusione di tale beneficio dalle abitazioni signorili, delle ville e dei castelli (Categorie catastali A/1, A18 e A/9);

            a decorrere dal 2012, il Governo Monti ha introdotto nuovamente l'imposta sulle prime case, definita impropriamente Imposta Municipale Unica (IMU);

            la pressione fiscale, già alta, nel ns. Paese rischia di accelerare una stagnazione economica che provocherà una sfiducia dei mercati finanziari e degli investitori: entrambe queste realtà non possono accordare fiducia e credito a qualsiasi Paese che non abbia potenzialità di sviluppo economico;

            a fine 2010 il Segretario Generale dell'OCSE fece anche questa osservazione: In un contesto economico di rallentamento della ripresa, debito pubblico più alto di tutti i tempi e disoccupazione a livello inaccettabile, le piccole e medie imprese richiedono un'attenzione speciale, in quanto generatori chiave di impiego;

            per il Fondo Monetario Internazionale (IMF) un aumento della pressione fiscale per il risanamento di un sistema è positivo: tuttavia, questo principio se applicato ad un ambiente macroeconomico non forte, se può essere utile a ridurre rapidamente eventuali deficit, può porre un rischio alla ripresa economica del sistema stesso;

            il presente Governo ha allungato i tempi inizialmente da esso previsti per un risanamento e per la ripresa del Paese, tempi che sono destinati ad aumentare in maniera esponenziale se i cittadini e le imprese sono poste nelle condizioni di non comprare beni e di licenziare personale (right sizing aziendale);

            la tasse si disapplica per taluni immobili, e tra questi quelli delle Fondazioni Bancarie, in quanto, con motivazione espressa dal Governo, sono associazioni benefiche;

            l'abolizione dell'Imposta comunale sugli immobili (ICI) rimane un punto economico rilavante per favorire sicurezza e coesione sociale al Paese;

            è aumentata in maniera estremamente preoccupante la percentuale di poveri in Italia, e si sta impoverendo considerevolmente il ceto medio del Paese, gran parte delle persone pensionate e anche dei giovani occupati possono contare su risorse economiche limitate e l'applicazione dell'IMU metterà in discussione la possibilità di mantenere il possesso della loro prima abitazione;

        impegna il Governo:

            nell'ambito dell'applicazione dell'IMU a sospendere dal 2013 l'applicazione della medesima alla prima casa, trovando l'adeguata copertura nell'estensione di questa imposta alle fondazioni bancarie e nell'attivazione di interventi di spending-review che comprendano sia la struttura generale dello Stato sia gli Enti Locali.