Articolo aggiuntivo n. 29.02 al ddl C.4940 in riferimento all'articolo 29.

testo emendamento del 29/02/12

Dopo l'articolo 29 inserire il seguente:

Art. 29-bis.
(Semplificazioni in materia di gestione del carburante agevolato ad uso agricolo).

1. Al fine di semplificare le modalità di gestione dell'agevolazione fiscale per gli oli minerali impiegati nei lavori agricoli, orticoli, in allevamento, nella silvicoltura e piscicoltura e nella florovivaistica, entro sei mesi dalla entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, di concerto con il Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali e la Conferenza delle regioni, da emanare ai sensi dell'articolo 17 comma 3 della legge 23 agosto 1988, n. 400 sono stabilite le modalità di attuazione della predetta agevolazione sulla base dei seguenti principi:
a) revisione del regolamento di cui al decreto ministeriale n. 454 del 2001 per adeguarlo alle disposizioni della direttiva 2003/96/CE, del Consiglio del 27 ottobre 2003, e sulla base dei principi di cui alle lettere successive;
b) abolizione del gasolio «verde»;
c) libero rifornimento sul mercato nei limiti dei quantitativi concessi ai prezzi previsti al consumo ordinario;
d) pagamento dello sgravio fiscale relativo ai quantitativi assegnati a ciascun imprenditore attraverso il pagamento unico e sulla base dei dati contenuti nel fascicolo aziendale;

e) attribuzione alla Guardia di Finanza dei controlli legati alla verifica di corrispondenza dei mezzi agricoli denunciati e la coerenza con i quantitativi assediati;
f) attribuzione all'AGEA ed alle Agenzie regionali del compito di calcolare i quantitativi di gasolio comune attribuiti a ciascun imprenditore agricolo avente diritto e della relativa comunicazione sulla base delle informazioni sulle macchine agricole da inserire nel fascicolo aziendale;
g) determinazione dei quantitativi dei prodotti da ammettere all'impiego agevoli attraverso procedura informatizzata tramite gli sportelli dei Centri di Assistenza Agricola (CAA) ovvero direttamente da parte delle imprese agricole e soppressione dell'Ufficio Motori Agricoli (UMA).