Proposta di modifica n. 28.1 al ddl C.2180 in riferimento all'articolo 28.

testo emendamento del 12/05/09

Al comma 1, dopo la lettera c) aggiungere le seguenti:
c-bis) all'articolo 2-ter, dopo il terzo comma è aggiunto il seguente:
«La Corte d'appello definisce il procedimento entro sei mesi dalla data in cui pervengono gli atti relativi all'impugnazione proposta nei confronti del decreto di confisca dei beni; tale termine può essere prorogato di sei mesi con provvedimento motivato della Corte d'appello. Ai fini del computo dei termini suddetti si tiene conto delle cause di sospensione dei termini di durata della custodia cautelare, previste dal codice di procedura penale, in quanto compatibili.»
c-ter) dopo l'articolo 2-quinquies è aggiunto il seguente:
«Art. 2-quinquies. 1. - È assicurata la priorità assoluta nella trattazione e nella formazione dei ruoli di udienza:
a) dei procedimenti previsti dalla presente legge;
b) dei procedimenti previsti dalla legge 22 maggio 1975, n. 152;
c) dei procedimenti aventi ad oggetto le proposte di applicazione di misure patrimoniali ai sensi dell'articolo 19 della legge 22 maggio 1975, n. 152, e dell'articolo 1, numeri 1) e 2), della legge 27 dicembre 1956, n. 1423.
I dirigenti dei tribunali aventi sede nei capoluoghi di provincia e delle Corti d'appello adottano i provvedimenti organizzativi necessari per assicurare la trattazione e definizione prioritaria dei procedimenti previsti dal primo comma e il rispetto dei termini previsti. I provvedimenti sono tempestivamente comunicati al Consiglio giudiziario e al Consiglio superiore della magistratura. Il Consiglio superiore della magistratura e il Ministro della giustizia valutano gli effetti dei provvedimenti adottati dai dirigenti degli uffici sulla trattazione prioritaria, sulla durata e sul rispetto dei termini dei procedimenti di cui alla presente legge. In sede di comunicazioni sull'amministrazione della giustizia, ai sensi dell'articolo 86 dell'ordinamento giudiziario, di cui al regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12, e successive modificazioni, il Ministro della giustizia riferisce alle Camere le valutazioni effettuate ai sensi del presente comma.
Anche al fine di dare attuazione a quanto disposto dai commi precedenti, presso gli uffici giudicanti indicati al secondo comma sono individuati, osservato il procedimento di cui all'articolo 7-bis, commi 1 e 2, del regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12, i collegi giudicanti o le sezioni che trattano in via esclusiva o prevalente i procedimenti previsti dalla presente legge, dalla legge 22 maggio 1975, n. 152, e dalla legge 27 dicembre 1956, n. 1423».

Conseguentemente, aggiungere, in fine i seguenti commi:
2. Le disposizioni di cui all'articolo 2-ter, quarto comma, della legge 31 maggio 1965, n. 575 trovano applicazione esclusivamente per i procedimenti i cui atti siano pervenuti alla Corte d'appello dopo l'entrata in vigore della presente legge.
3. I provvedimenti previsti dai commi secondo e terzo dell'articolo 2-quinquies.1 della legge 31 maggio 1965, n. 575, sono adottati entro il termine di sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge.