In questa pagina puoi lasciare commenti generali sull'atto.
Se invece vuoi aggiungere le tue note ai testi ufficiali dell'atto, vai alla sezione "leggi i testi ufficiali dell'atto e aggiungi le tue note"

  • Giovanni ha inviato questo commento il 19/03/10

    Ottima legge, era ora che si "mettesse mano all'argomento"!

  • PIERO ha inviato questo commento il 20/03/10

    CREDO SIA VENUTO IL MOMENTO DI ADEGUARCI AGLI STANDARD EUROPEI - IL TECNICO (PERITO ASSICURATIVO) E' SUPER PARTES SOLO SE DIVINCOLATO DAL CONDIZIONAMENTO ECONOMICO, SVOLTO FINO AD ORA DALLE CONSORELLE ASSICURATRICI - ...E NON VOGLIO PARLARE DI CARTELLI - L'ALBO E' FONDAMENTALE - CHI HA MAL DI DENTI VA DAL DENTISTA, SE DEVO COSTRUIRE UNA CASA CONTATTERO' L'INGEGNERE, MA SE HO UN DANNO CON LA MIA MACCHINA MI DEVO SERVIRE DEL TECNICO CHE VIENE IMPOSTO DALLA COMPAGNIA CHE DOVRA' RISARCIRMI - NO, IL MIO VEICOLO (COME IL MIO DENTE E LA MIA ABITAZIONE) E' GIUSTO CHE SIA OGGETTO DI VERIFICA DA PARTE DI PERSONA TERZA - GRAZIE MA CREDO CHE IL DISEGNO CHE SI STA TENTANDO DI DELINEARE RIMANGA PURTROPPO, COME SPESSO ACCADE, SOLO IL DESIDERIO RECONDITO DI TANTE PERSONE -

  • LUCIANO ha inviato questo commento il 25/03/10

    Desidererei sapare se ci sono novità in quanto mi sembra che l'iter della legge è fermo. Mi sembra che altre leggi, o decreti, abbiano iter molto più snelli!!!

  • fabrizio PNO ha inviato questo commento il 04/05/10

    Abbiamo bisogno di questo Albo, in quanto il settore dei periti assicurativi deve essere regolamentato anche per garantire un equo risarcimento a milioni di danneggiati. Occorre definire la figura del Perito Assicurativo affinche possa anche crescere professionalmente e possa entrare a far parte delle categorie impegnate a garantire la sicurezza della circolazione garantendo una supervisione su svariate riparazioni che intaccano particolari di rilevante importanza.

  • Fabio ROLANDO n. ruolo P000000256 ha inviato questo commento il 05/05/10

    Salve, mi congratulo per la positiva iniziativa della proposta istituzione dell’Albo Periti Assicurativi. Mi pare scontato e come già sottolineato da altri miei colleghi l’importanza della decisione su tutti gli aspetti. Purtroppo con rammarico non sono riuscito ad intendere come saranno regolate le parcelle. Mi soffermo, precisando che attualmente la categoria è stata annichilita e vessata dagli interessi degli assicuratori che hanno sempre fatto da padroni senza alcun ritegno per la categoria imponendo una parcella ridicola alla stregua di un portalettere di tipo “Pony Express”, con conseguente decadimento professionale. Non vorrei che anche questa volta nell’ambito della istituzione dell’Albo Periti Assicurativi, potessero mettere nuovamente le “zampe” gli assicuratori, come è sempre storicamente avvenuto. Richiedo pertanto se possibile di avere modo di partecipare in qualche modo ai lavori, o comunque avere la possibilità di esprimere qualche parere. Invito la categoria a farsi partecipi, nella tutela dei reciproci interessi. Rimango a disposizione e porgo distinti saluti. Per. Fabio ROLANDO n. ruolo P000000256

  • Francesco ha inviato questo commento il 07/05/10

    Ritengo sia una disegno di legge necessario per porre un termine alle incongruenze e incompatibilità del ruolo professionale dei periti assicurativi identificati come controllori super partes e le controllate compagnie assicurative imprese private che operano sul territorio nazionale con introiti di rilievo.

  • Ilario - ruolo 000000003 ha inviato questo commento il 07/06/10

    tutto quello che serve per chiare il ruolo professionale mettendolo a disposizione del consumatore è lodevolmente doveroso.. A completezza del termine "...accertamento e..." secondo il mio parare si deve intendere "...l'accertamento della cause e circostanze che hanno prodotto il danno...

  • onat ha inviato questo commento il 02/10/10

    L'istituzione dell'Albo dei Periti Assicurativi risulta all'attuale momento storico cosa non più rimandabile malgrado la forte opposizione paventata negli anni dai cosidetti "ALBI SUPERIORI". Il perito assicurativo, sarebbe ora di definirlo come "Perito in Infortunistica del traffico e della circolazione stradale", è un professionista terzo, completo nella sua preparazione tecnica che è in grado di accertare, stimare e valutare i danni dei mezzi a motore e dei natanti. Il suddetto perito inoltre è l'unico in grado di procedere alla comparazione diretta ed indiretta dei danni riportati dai veicoli collidenti. Inoltre lo stesso, se fornito di comprovata e documentata prepazione, può e deve procedere alla ricostruzione dinamica degli incidenti. E' evidente che la legge di isituzione dell'Albo deve guardare anche ciò rifacendosi e modellandosi a quanto previsto dalla normativa UNI 11294 in merito alle conoscenze previste per l'indcata ultima figura professionale.

  • tecnico ha inviato questo commento il 24/10/10

    Salve, sono un ragazzo di 26 anni che lavora da 10 nel settore tecnico. Ho passato l'esame scritto all'ultimo bando d'esame ma all'orale mi hanno chiesto di redarre una perizia su foto che rappresentavano tutto tranne che il danno al veicolo e quindi mi hanno steccato. Con il nuovo decreto Isvap pretendo 2 anni di tirocinio che sto regolarmente svolgendo. Il nuovo bando doveva uscire quest'anno, (il decreto indica 2 anni dal precedente) ma ad oggi Isvap non ha ancora le idee chiare!!!! Quanto devo aspettare ancora?? Posso sperare di intraprendere questa professione di perito assicuratico addetto ad accertare i danni auto o devo tornare a programmare i robot che le costruiscono le auto????Vi prego aiutatemi, non so davvero che fare del mio futuro!!!


Lascia un commento

captcha


>