• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/19401 [Maxifrode da parte di una società specializzata nel riciclo di materiali da recupero]



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-19401 presentata da FRANCESCO BARBATO
martedì 22 gennaio 2013, seduta n.739
BARBATO. - Al Ministro dell'economia e delle finanze. - Per sapere - premesso che:

il 16 gennaio 2013 il quotidiano repubblica.it ed.Napoli informa che è stata scoperta una maxifrode da parte di una società specializzata nel riciclo di materiali da recupero;

si tratta un'evasione da 34 milioni di euro;

l'Agenzia delle entrate della Campania ha scoperto una raffica di fatture per operazioni inesistenti con l'obiettivo di sottrarsi agli obblighi fiscali relativi all'Iva e alle imposte dirette vantando falsi crediti nei confronti dell'erario;

un sistema di scatole cinesi e società fittizie;

dell'articolo, a firma di Cristina Zagaria, si apprende che: grazie a questo meccanismo la società operante nel settore del riciclo di materiali di recupero ha evaso 34 milioni su un imponibile di oltre 167 milioni tra Iva e imposte dirette. Le indagini dell'ufficio antifrode hanno permesso di ricostruire un complesso disegno fraudolento messo in atto dal 2004 fino al 2011;

l'organizzazione utilizzava alcune strutture societarie, a essa collegate o riconducibili, e caratterizzate da una serie di irregolarità fiscali, per simulare l'attività esercitata. Le società interposte operavano da mero schermo tra le attività fraudolente e la vita operativa del vero soggetto economico, formalmente in regola dal punto di vista fiscale. I rapporti tra i vari soggetti aziendali servivano, quindi, unicamente per pianificare fittizie posizioni creditorie in capo alla società oggetto del controllo. Quest'ultima, infatti, attraverso fittizie transazioni commerciali faceva ricadere l'obbligo tributario, rimasto insoluto, sulle società interposte, usufruendo di un notevole credito Iva scaturente da fatture inesistenti;

la società controllata, dunque, risulta essere la beneficiaria della frode e, a differenza di altri analoghi casi nei quali i soggetti aziendali sono mere scatole vuote, è intestataria di beni fiscalmente recuperabili -:

di quali notizie disponga sul caso esposto in premessa e quali misure si intendano assumere. (4-19401)