• Testo della risposta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.4/07612 [Iniziative a sostegno dell'attività dell'Orchestra di Padova e del Veneto]



Atto Senato

Risposta scritta pubblicata nel fascicolo n. 176
all'Interrogazione 4-07612

Risposta. - La Direzione generale per lo spettacolo dal vivo del Ministero sovvenziona correntemente la fondazione Orchestra di Padova e del Veneto (Padova) per l'attività che la stessa realizza nel settore delle istituzioni concertistico-orchestrali. La concessione di contributi ai soggetti istanti, atteggiandosi quale procedura concorsuale in ragione della pluralità di domande a fronte di risorse contenute, deve necessariamente sottostare a tutte le disposizioni contenute nel titolo III della legge del 14 agosto 1967, n. 800, e nel decreto ministeriale 9 novembre 2007 come modificato con decreto ministeriale 3 agosto 2010.

In particolare, le risorse destinate ai singoli settori lirico-musicali sono state individuate nel 2012 solo dopo ripartizione del FUS ad opera del Ministro e successiva ripartizione della quota Fus/Musica, a mezzo del provvedimento del Direttore generale, che ha concluso la procedura prevista dall'art. 2, comma 4, del decreto ministeriale 9 novembre 2007 che prevede l'acquisizione dei pareri della Commissione consultiva per la musica e della Conferenza unificata.

Il contributo a favore della fondazione Orchestra di Padova e del Veneto, per l'anno 2012, è stato già assegnato con decreto dirigenziale del 31 maggio 2012, in conformità al parere della Commissione consultiva musica espresso sui progetti artistici nella riunione del 21 e 22 maggio 2012, ed è pari a 1.150.000 euro. Non sono previsti per l'anno in corso ulteriori finanziamenti a favore del settore delle istituzioni concertistico-orchestrali.

Occorre sottolineare che, tra le 12 ICO (istituzioni concertistico-orchestrali) sottoposte al vaglio della Commissione, la fondazione ha attinto il risultato più lusinghiero, avendo ottenuto un moltiplicatore pari a 2,59, circostanza che ha favorevolmente aumentato la base quantitativa (i dati finanziari offerti dallo stesso organismo interessato), che pure non si colloca tra le basi maggiori delle ICO vagliate. Ciò dimostra l'altissima considerazione riservata dall'amministrazione a tale fondazione.

ORNAGHI LORENZO Ministro per i beni e le attività culturali

26/07/2012