• Testo della risposta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.4/03873 [Garantire che l'Accademia lucchese di scienze, lettere e arti possa proseguire l'attività]



Atto Senato

Risposta scritta pubblicata nel fascicolo n. 102
all'Interrogazione 4-03873

Risposta. - Con riferimento all'interrogazione con la quale chiede quali provvedimenti il Ministro intenda adottare per garantire la prosecuzione della cospicua attività culturale svolta dall'Accademia degli oscuri di Lucca, si osserva quanto segue.

Si premette che l'Accademia in questione negli scorsi anni, con carattere di continuità, ha ricevuto cospicui contributi dalla Direzione generale competente.

Per il 2010 l'Accademia ha presentato regolare istanza di richiesta del contributo, ai sensi dell'art. 8 della legge n. 534 del 1996, che è stata positivamente valutata dalla competente Comitato di settore.

Tuttavia per la definizione dell'importo del contributo, si deve tener conto di quanto disposto dal decreto-legge n. 78 del 2010, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, che prevede una riduzione del 50 per cento rispetto al 2009 del contributo statale ad enti, istituti, fondazioni e altri organismi e demanda ai Ministri competenti la definizione del riparto delle risorse disponibili per ogni istituto.

Pertanto, il Ministero per far fronte per quanto possibile alla situazione venutasi a creare a seguito della citata manovra finanziaria, ha disposto, non senza difficoltà, di assegnare a tutti gli istituti, ivi compresa l'Accademia lucchese, per il 2010 uno stanziamento ridotto del 15 per cento rispetto a quello incassato nel 2009.

Ciò è stato possibile in considerazione di alcune riduzioni che il Ministro ha disposto di apportare ad altri capitoli di bilancio e che hanno consentito di limitare al massimo la riduzione dell'assegnazione di quest'anno rispetto a quello disposto nel 2009.

BONDI SANDRO Ministro per i beni e le attività culturali

25/11/2010