• Testo della risposta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.4/03433 [Ratifica in tempi celeri della Convenzione dell'Aja del 19 ottobre 1996]



Atto Senato

Risposta scritta pubblicata nel fascicolo n. 096
all'Interrogazione 4-03433

Risposta. - Si è consapevoli dell'importanza della ratifica della convenzione concernente la competenza, la legge applicabile, il riconoscimento, l'esecuzione e la cooperazione in materia dì responsabilità genitoriale e di misure di protezione dei minori (L'Aja 19 ottobre 1996), che è sostanzialmente volta a rendere effettivo il riconoscimento dei diritti del fanciullo, già operato dalla Convenzione ONU di New York del 1989 (CRC), soprattutto in materia di "diritto all'ascolto in ambito processuale". Come noto, il principio dell'interesse superiore del minore guida da sempre, in tale settore, l'azione del Governo italiano, sia a livello interno che internazionale.

Al riguardo si segnala che è stato costituito un tavolo di lavoro interministeriale con i Ministeri della giustizia e dell'interno per approfondire le modalità di armonizzazione dell'ordinamento giuridico italiano ai contenuti della convenzione. In tale ambito il Ministero contribuisce agli approfondimenti in corso sottolineando l'opportunità di procedere in tempi auspicabilmente rapidi alla verifica della convenzione.

In un più ampio contesto, merita ricordare che l'Italia è stata tra i principali promotori, tra il 2008 ed il 2009, dell'adozione delle "Linee guida" onusiane in materia di cura parentale alternativa, promosse dal Brasile, al fine di favorire l'applicazione concreta dei principi contenuti nelle citate convenzioni di New York e de L'Aja, ed è tuttora impegnata con vigore per il successo del negoziato in corso sul protocollo facoltativo alla convenzione volto ad istituire un meccanismo di ricorsi individuali in materia di applicazione della convenzione stessa, accessibile ai minori.

MANTICA ALFREDO Sottosegretario di Stato per gli affari esteri

20/10/2010