• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.9/05534-bis- ... [Titolari dei depositi di prodotti energetici ]



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/05534-bis-B/008presentato daNIZZI Settimotesto diVenerdì 21 dicembre 2012, seduta n. 738

La Camera,
premesso che:
i titolari dei depositi di prodotti energetici non appartengono alla fattispecie dei soggetti di cui alle lettere a), b), e c) del comma 16, del decreto-legge 25 luglio 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, in quanto non sono società petrolifere, di estrazione o raffinazione ma acquistano il prodotto già da queste immesso in commercio, pertanto non sono in grado di ottenere extra-profitti dalle variazioni internazionali del prezzo del greggio e dei suoi derivati;
che i soggetti di cui al punto precedente compiono una semplice operazione di acquisto al miglior prezzo di mercato dei prodotti derivati dal petrolio e di vendita in modo trasparente al miglior prezzo di mercato;
per dimensione aziendale e tipologia propria dell'attività svolta tali soggetti non sono in grado, né possono, traslare l'addizionale sui prezzi al consumo di cui all'articolo 81, comma 16, del decreto-legge 25 luglio 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 (cosiddetta robin tax);
che tali soggetti sono sottoposti a controlli da parte dell'autorità per l'energia elettrica e il gas che, in ragione di quanto sopra, risultano non solo inutili ma rappresentano un peso economico per le stesse aziende che devono assolvervi;
che l'esclusione di tali soggetti dai controlli permetterebbe da un lato alla stessa autorità di ottenere consistenti risparmi sulle operazioni di vigilanza, dall'altra si consentirebbe alle imprese di non sottrarre preziose risorse da destinare alle attività burocratiche dettate dall'Autorità di vigilanza, in un momento come quello attuale di contrazione del mercato della vendita dei carburanti, potendole quindi destinare al consolidamento delle stesse imprese e, soprattutto, dei livelli occupazionali;
che da una eventuale esclusione dai controlli da parte dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas dei soggetti sopra citati non derivano nuovi o maggiori oneri per lo Stato,

impegna il Governo

al fine di pervenire a risparmi di spesa in materia di operazioni di vigilanza da parte dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas, a valutare l'opportunità di modificare, nel primo provvedimento utile, il comma 18, secondo periodo, dell'articolo 81 del decreto-legge n. 112 del 25 giugno 2008 convertito con legge n. 133 del 6 agosto 2008, prevedendo che dalle attività di vigilanza di cui al primo periodo del comma 16 dall'articolo 81 del decreto-legge n. 112 del 25 giugno 2008 convertito con legge n. 133 del 6 agosto 2008, siano esclusi i titolari di licenza per l'esercizio di depositi di prodotti energetici il cui fatturato è inferiore a quello previsto dall'articolo 16, comma 1, prima ipotesi, della legge 10 ottobre 1990, n. 287.
9/5534-bis-B/8. Nizzi.