• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.9/03627/006 in sede di esame del decreto-legge 3 dicembre 2012, n. 207, recante disposizioni urgenti a tutela della salute, dell'ambiente e dei livelli di occupazione, in caso di crisi di stabilimenti...



Atto Senato

Ordine del Giorno 9/3627/6 presentato da ROBERTO DELLA SETA
giovedì 20 dicembre 2012, seduta n. 857

"Il Senato,
in sede di esame del decreto-legge 3 dicembre 2012, n. 207, recante disposizioni urgenti a tutela della salute, dell'ambiente e dei livelli di occupazione, in caso di crisi di stabilimenti industriali di interesse strategico nazionale,
premesso che:
il decreto in esame individua l'impianto siderurgico dell'Ilva di Taranto come stabilimento di interesse strategico nazionale e ne autorizza la continuità produttiva in considerazione dei rilevanti profili di tutela dell'ambiente e della salute e della salvaguardia dei livelli occupazionali e dell'ordine pubblico, a patto che siano integralmente rispettate le disposizioni per assicurare la piena ed integrale attuazione delle prescrizioni contenute nel provvedimento di riesame dell'AlA, di cui al decreto del Ministro dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare del 26 ottobre 2012;
secondo i dati raccolti nel rapporto "Mal'Aria industriale" di Legambiente risulta che l'Ilva di Taranto è lo stabilimento industriale di gran lunga più inquinante d'Italia, responsabile del 95 per cento delle emissioni industriali di Ipa, del 92 per cento delle emissioni industriali di diossine e furani, del 78 per cento delle emissioni industriali di piombo, del 57 per cento delle emissioni industriali di mercurio del 42 per cento delle emissioni industriali di benzene e di cadmio, del 31 per cento delle emissioni industriali di cromo;
la presenza a Taranto dell'Uva espone da decenni i cittadini di Taranto a un inquinamento elevatissimo i cui effetti sanitari sono stati ripetutamente accertati in studi scientifici ed epidemiologici;
impegna il Governo:
l'opportunità di dare precise indagini al Garante affinché tenga in considerazione a valutare la prescrizioni dal documento della del danno sanitario e le eventuali richieste di garanzie fideiussorie da disporsi da parte dell'autorità competente siano a garanzia dei danni o delle opere da eseguire".
(numerazione resoconto Senato G3.101)
(9/3627/6)
DELLA SETA, FERRANTE