• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.9/05617-AR/0 ... [Risorse per la riapertura dell'Ilva]



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/05617-AR/007presentato daCIMADORO Gabrieletesto diMartedì 18 dicembre 2012, seduta n. 735

La Camera,
premesso che:
il provvedimento in esame consente, per legge, la riapertura dello stabilimento siderurgico dell'Ilva, di fatto posto sotto sequestro con provvedimento dell'autorità giudiziaria per tutelare la salute dei cittadini, vincolando però la produzione al rispetto delle prescrizioni contenute nel provvedimento di riesame dell'Autorizzazione Integrata Ambientale;
la mancata osservanza da parte della proprietà dell'Ilva delle prescrizioni contenute nell'Autorizzazione Integrata Ambientale, è punita con una sanzione amministrativa pecuniaria fino al 10 per cento dell'ultimo fatturato;
accanto alla suddetta sanzione amministrativa, il decreto in esame prevede chi in caso di inadempienze, il Garante può eventualmente arrivare a proporre «idonee misure, ivi compresa l'eventuale adozione di provvedimenti di amministrazione straordinaria». Una disposizione in realtà troppo blanda se si vuole realmente metter in condizione la famiglia Riva, proprietaria dello stabilimento dell'Ilva, di rispettare tutte le prescrizioni previste dall'AIA, e di impegnare tutti gli oltre 3,5 miliardi di euro necessari per le attività di risanamento degli impianti e per la bonifica delle aree inquinate;
risulta probabilmente necessario prevedere anche la possibilità, in caso di indisponibilità della medesima proprietà a investire le risorse necessarie ad attuare le prescrizioni contenute nell'AIA, che tali somme possano essere richieste dall'amministratore straordinario eventualmente nominato, al Fondo strategico italiano SpA, istituito presso la Cassa depositi e prestiti a fronte di quote azionarie della società proprietaria dello stabilimento,

impegna il Governo

a prevedere con propria iniziativa legislativa, in caso di indisponibilità della proprietà della società Ilva a investire le risorse necessarie ad attuare le prescrizioni contenute nell'AIA, la possibilità che le risorse finanziarie occorrenti possano essere richieste dall'amministratore straordinario, qualora nominato, al Fondo strategico italiano SpA, istituito presso la Cassa depositi e prestiti, a fronte di quote azionarie della società Ilva. Quote azionarie che potranno essere acquistate o riacquistate dalla società proprietaria una volta adempiute tutte le prescrizioni previste dall'AIA.
9/5617-AR/7. Cimadoro, Vatinno, Zazzera.