• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.3/02654 [Malfunzionamento del procedimento elettronico di certificazione del credito]



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in Assemblea 3-02654 presentata da RENZO LUSETTI
martedì 11 dicembre 2012, seduta n.732
LUSETTI, GALLETTI, ANNA TERESA FORMISANO, RUGGERI, PEZZOTTA, LIBÈ, TASSONE, CICCANTI, COMPAGNON, RAO, NARO e VOLONTÈ. - Al Ministro dell'economia e delle finanze. - Per sapere - premesso che:

il 22 maggio 2012 il Governo ha presentato le nuove misure volte a disciplinare i rapporti di credito e debito tra la pubblica amministrazione e le imprese fornitrici; rientrano fra tali misure:

a) i due «decreti certificazione», il decreto ministeriale del 22 maggio 2012, avente ad oggetto la certificazione dei crediti scaduti nei confronti delle amministrazioni centrali (inclusi gli enti pubblici nazionali), e il decreto ministeriale del 25 giugno 2012, avente ad oggetto la certificazione dei crediti scaduti nei confronti delle regioni ed enti locali, inclusi gli enti del servizio sanitario nazionale;

b) gli accordi tra l'Abi e le associazioni imprenditoriali sottoscritti il 22 maggio 2012, aventi ad oggetto l'istituzione di un plafond dedicato allo smobilizzo dei crediti delle imprese verso la pubblica amministrazione;

il procedimento di certificazione del credito sarà gestito a regime tramite una piattaforma elettronica messa a disposizione dal Ministero dell'economia e delle finanze;

al momento, la piattaforma per la certificazione dei crediti espone solo le funzionalità per consentire la registrazione da parte delle amministrazioni e degli enti pubblici;

le amministrazioni che hanno concluso il procedimento di registrazione non rappresentano neanche l'1 per cento del totale;

gli istituti di credito non hanno ancora istituito il plafond dedicato allo smobilizzo dei crediti delle imprese verso la pubblica amministrazione -:

quali siano i tempi previsti per l'effettiva operatività del sistema di certificazione, al fine di evitare il procrastinarsi di una situazione di difficoltà finanziaria del tessuto imprenditoriale. (3-02654)