• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/01337 BRANDOLINI. - Al Ministro dell'economia e delle finanze. - Per sapere - premesso che: l'articolo 1 del decreto-legge n. 93 del 2008, convertito con modificazioni dalla legge n. 126...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-01337 presentata da SANDRO BRANDOLINI
mercoledì 15 ottobre 2008, seduta n.067
BRANDOLINI. - Al Ministro dell'economia e delle finanze. - Per sapere - premesso che:

l'articolo 1 del decreto-legge n. 93 del 2008, convertito con modificazioni dalla legge n. 126 del 2008, prevede l'esenzione dall'ici per le abitazioni principali e per le unità immobiliari ad esse assimilate;

il secondo comma della legge n. 126 del 24 luglio 2008, dispone quanto segue: «Per unità immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo si intende quella considerata tale ai sensi del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504, e successive modificazioni, nonché quelle ad esse assimilate dal comune con regolamento o delibera comunale vigente alla data di entrata in vigore del presente decreto...»;

la risoluzione n. 12/DF del 5 giugno 2008, emanata dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, «chiarisce» che l'esenzione in questione si estende anche a tutte le unità immobiliari assimilate per regolamento all'abitazione principale, poiché «nel concetto di assimilazione vanno ricomprese tutte le ipotesi in cui il Comune, indipendentemente dalla dizione utilizzata, ha inteso estendere i benefici previsti per le abitazioni principali... indipendentemente dalla circostanza che il Comune abbia assimilato dette abitazioni ai soli fini della detrazione e/o dell'aliquota agevolata...»;

al punto n. 10, la medesima risoluzione «chiarisce» che: «In merito, invece, alle "unità immobiliari locate con contratto registrato ad un soggetto che le utilizzi come abitazione principale", si deve precisare che la norma in esame consentiva ai comuni soltanto di estendere l'aliquota ridotta a favore dei soggetti ivi indicati, ma non di assimilare dette unità immobiliari all'abitazione principale. Pertanto non è possibile riconoscere a questa specifica fattispecie l'esenzione disposta dall'articolo 1 del decreto-legge n. 93 del 2008, poiché non si configura un'ipotesi di assimilazione, a meno che questa non sia stata espressamente prevista nel regolamento comunale, vigente alla data del 29 maggio 2008»;

in sede di prima applicazione delle nuove disposizioni considerato il testo della norma ed i chiarimenti ministeriali, la maggior parte dei proprietari di unità immobiliari locate che - sulla base di regolamenti comunali sono equiparate ai fini dell'aliquota ici alla abitazione principale - non hanno provveduto al versamento dell'imposta in quanto hanno ritenuto di essere esentati dal pagamento, nonostante permangono dubbi e perplessità in quanto, come precisato anche dalla risoluzione n. 12/DF 2008, impropriamente assimilate all'abitazione principale -:

quale sia la posizione del ministero in merito alla controversa interpretazione della risoluzione n. 12/DF 2008 riguardante l'esenzione ici per le unità immobiliari locate con contratto registrato a soggetto che le utilizzi come abitazione principale;

qualora confermi l'orientamento espresso dalla risoluzione n. 12/DF 2008, se non ritenga opportuno emanare una ulteriore risoluzione che chiarisca definitivamente la questione. (4-01337)