• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.5/08602 [Incidente su un passaggio a livello in Calabria]



Atto Camera

Interrogazione a risposta in Commissione 5-08602 presentata da MARIO LOVELLI
giovedì 6 dicembre 2012, seduta n.730
LOVELLI. - Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. - Per sapere - premesso che:

sabato 24 novembre 2012, lungo la linea ferroviaria Metaponto-Reggio Calabria, tra le stazioni di Rossano e Mirto di Crosia, si è verificato un incidente ferroviario che ha provocato la morte di sei persone. Le sei vittime, tutte di nazionalità rumena, stavano attraversando un passaggio a livello a bordo della loro autovettura al rientro da una giornata di lavoro nei campi. Non accortisi dell'arrivo del treno regionale n. 3753 partito da Sibari e diretto a Reggio Calabria, il veicolo è stato travolto, provocando la morte dei passeggeri;

secondo le prime ricostruzioni risulterebbe che il gruppo di braccianti fosse solito percorrere il tragitto interessato dalla presenza del passaggio a livello gestito da privati. All'incidente sono infatti sopravvissute due persone che, in possesso delle chiavi, erano scese dal veicolo proprio per aprire il lucchetto utilizzato per la chiusura del passaggio a livello;

gli articoli 64 e 66 del decreto del Presidente della Repubblica n.753 del 1980 disciplinanti la normativa sui passaggi a livello «privati» indicano che «sono generalmente necessari per dare accesso a fondi interclusi e il relativo uso è regolato mediante una specifica convenzione tra RFI e uno o più privati utilizzatori, cui è affidata la chiave per l'apertura e chiusura - a carattere necessariamente saltuario - del passaggio, in base a specifiche regole di comportamento, che consentono tale uso in sicurezza» -:

quali siano le valutazioni del Ministero competente in relazione alle circostanze che hanno causato l'incidente in premessa specificato;

se ritenga che la gestione diretta da parte di privati dei passaggi a livello che danno accesso a fondi interclusi, mediante specifica convenzione con RFI, sia in grado di garantire standard adeguati di tutela della sicurezza di chi vi transita e per la circolazione ferroviaria sulla rete nazionale;

se sia in corso e quale sia lo stato di attuazione del programma di interventi per l'eliminazione dei passaggi a livello sulla rete nazionale. (5-08602)