• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/18829 [Dichiarare lo stato di emergenza per il territorio comunale fasanese, duramente colpito dall'alluvione del 28 novembre 2012]



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-18829 presentata da LUIGI VITALI
lunedì 3 dicembre 2012, seduta n.727
VITALI. - Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, al Ministro dell'economia e delle finanze. - Per sapere - premesso che:

il 28 novembre 2012 una parte della regione Puglia è stata colpita da un'alluvione e da una tromba d'aria che hanno interessato la città di Taranto ed il territorio del comune di Fasano;

in particolare, una violenta tromba d'aria si è spostata da Taranto ad alcuni comuni del circondario e si è poi diretta verso il territorio fasanese danneggiando soprattutto la zona che va dal Canale di Pirro, che attraversa l'abitato della selva di Fasano e che poi si dirige verso il mare;

i danni maggiori sono stati provocati alle abitazioni private, con crolli di cornicioni, canne fumarie e recinzioni, mentre numerosi alberi secolari si sono abbattuti al suolo con danni a strade, proprietà private ed automobili;

si sono registrati numerosi interventi da parte dei vigili del fuoco, della polizia municipale e della struttura comunale di protezione civile, in aiuto alla popolazione e per la verifica della gravità dei danni;

a seguito degli eventi alluvionali verificatisi, il sindaco di Fasano, Lello di Bari, ha inoltrato al Presidente del Consiglio Mario Monti, una lettera nella quale si richiede che sia riconosciuto e dichiarato lo stato di emergenza per il territorio comunale fasanese -:

se il Governo non ritenga opportuno, alla luce di quanto descritto in premessa, riconoscere e dichiarare lo stato di emergenza per il territorio comunale fasanese, duramente colpito dall'alluvione del 28 novembre 2012;

se non si ritenga necessario assumere le opportune iniziative di competenza per garantire, con tempestività, le risorse necessarie a sostegno dei territori colpiti e delle popolazioni succitate. (4-18829)