• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.9/05534-bis- ... [Iniziative per i venditori ambulanti e per gli artigiani]



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/05534-bis-A/148presentato daFUGATTI Mauriziotesto diMercoledì 21 novembre 2012, seduta n. 721

La Camera,
premesso che:
in sede di esame in commissione del presente disegno di legge, è stato notevolmente ridotto l'effetto recessivo che avrebbe comportato l'originaria previsione dell'aumento delle aliquote iva combinato con la riduzione delle aliquote Irpef, anche per non impattare ulteriormente sul sistema produttivo del Paese;
su alcuni settori, tuttavia, come sul settore del commercio e dell'artigianato formato dalle piccole e micro imprese, gravano altre problematiche importanti;
l'11 ottobre 2012, il Ministro per i beni e le attività culturali, ha firmato una direttiva finalizzata a rafforzare le misure di tutela nelle aree pubbliche di particolare valore archeologico, storico, artistico, architettonico e paesaggistico, in prossimità dei monumenti interessati da flussi turistici particolarmente rilevanti;
l'obiettivo della direttiva risiede nella necessità di contrastare l'esercizio, nelle aree pubbliche aventi particolare valore archeologico, storico, artistico e paesaggistico, oltre che in tutte le pubbliche piazze, vie, strade e altri spazi urbani, di attività commerciali e artigianali in forma ambulante o su posteggio, nonché di qualsiasi altra attività non compatibile con le esigenze di tutela del patrimonio culturale, con particolare riferimento alla necessità di assicurare il decoro dei complessi monumentali e degli altri immobili del demanio culturale interessati da flussi turistici particolarmente rilevanti;
nel testo della direttiva è, tra l'altro, puntualmente esaminata la questione della possibile lesione degli interessi legittimi degli operatori economici interessati, che seppure in possesso di legali provvedimenti autorizzativi o di concessioni rilasciate dalle competenti autorità locali devono ad ogni modo cessare la propria libertà di iniziativa economica privata in ragione dei sopravvenuti provvedimenti restrittivi di tutela enunciati dalla direttiva di cui trattasi;
ne deriva pertanto che gli ambulanti o gli artigiani che svolgono attività economiche in centri storici tutelati ai sensi della predetta direttiva, ove non potessero essere riallocati in altre zone, potrebbero cessare le loro attività in quanto le disposizioni della direttiva svolgono effetti prevalenti su tutti gli atti acquisiti dai singoli dalle autorità competenti;
appare davvero affrettata l'emanazione di questa direttiva contro i commercianti e gli artigiani che già oggi, oltre a vedersi colpiti dalla grave crisi economica in atto, sono anche in situazioni di estrema precarietà a causa della vigente disciplina di attuazione della cosiddetta direttiva Bolkestein, di cui al decreto legislativo n. 59 del 2010;
le associazioni degli operatori commerciali interessati da questa direttiva hanno fatto sapere che per loro si tratta di «una direttiva superflua, nata senza il confronto con le parti sociali che non colpisce la piaga dell'abusivismo e “punisce” soltanto i venditori ambulanti che rispettano le regole, mettendo a rischio il posto di lavoro di circa 100mila persone tra imprenditori e operatori»,

impegna il Governo

a valutare la necessità di adottare le necessarie iniziative volte a far sì che in sede di attuazione della suddetta direttiva siano previsti specifici tavoli di confronto con le associazioni di categoria dei venditori ambulanti e degli artigiani, affinché siano al meglio risolte le problematiche di questi settori, con particolare riguardo al commercio ambulante che da solo vale oltre 15 miliardi di euro l'anno.
9/5534-bis-A/148. Fugatti, Allasia, Bitonci, Bonino, Bossi, Bragantini, Buonanno, Callegari, Caparini, Cavallotto, Chiappori, Comaroli, Consiglio, Crosio, Dal Lago, D'Amico, Desiderati, Di Vizia, Dozzo, Dussin, Fabi, Fava, Fedriga, Fogliato, Follegot, Forcolin, Gidoni, Giancarlo Giorgetti, Goisis, Grimoldi, Isidori, Lanzarin, Lussana, Maggioni, Maroni, Martini, Meroni, Molgora, Laura Molteni, Nicola Molteni, Montagnoli, Munerato, Negro, Paolini, Pastore, Pini, Polledri, Rainieri, Reguzzoni, Rivolta, Rondini, Simonetti, Stefani, Stucchi, Togni, Torazzi, Vanalli, Volpi.