• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.9/05534-bis- ... [Promuovere e valorizzare l'internazionalizzazione del «made in italy»]



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/05534-bis-A/124presentato daD'AMICO Claudiotesto diMercoledì 21 novembre 2012, seduta n. 721

La Camera,
premesso che:
il provvedimento in esame dispone la riduzione dell'autorizzazione di spesa per l'internazionalizzazione delle imprese, ovvero per la riduzione dei fondi per l'attivazione degli sportelli unici all'estero, la cui finalità è quella di sostenere oltre i confini nazionali il sistema produttivo italiano;
l'attuale crisi economica sta determinando gravissime ripercussioni sull'intero sistema economico, europeo e nazionale, con conseguenze su tutti i settori economici, dal settore metalmeccanico a quello degli autotrasporti, dal commercio all'artigianato, i quali da mesi evidenziano inequivocabili segni diminuzione del volume di fatturato e dei livelli occupazionali;
uno dei punti di forza dell'economia italiana è sempre stato rappresentato dalle PMI, ovvero dall'insieme di quelle aziende di medio-piccole dimensioni che, nel corso degli anni, hanno sviluppato prodotti di altissima qualità e che hanno consentito l'internazionalizzazione del «made in italy» come sinonimo di qualità;
il Governo italiano, con l'approvazione del decreto-legge 2009, n. 135, ha voluto salvaguardare la competitività delle aziende italiane attraverso una regolamentazione dell'uso di indicazioni di vendita, quali «100% made in Italy», «100% Italia», «tutto italiano», per l'individuazione dei prodotti interamente realizzati in Italia,

impegna il Governo

a valutare gli effetti applicativi della disposizione di cui al primo capoverso della premessa, al fine di adottare ulteriori iniziative normative volte a rivedere la medesima, impegnandosi altresì per adottare gli opportuni provvedimenti per sostenere e supportare gli Sportelli Unici all'Estero allo scopo di promuovere e valorizzare l'internazionalizzazione del «made in italy».
9/5534-bis-A/124. D'Amico, Allasia, Bitonci, Bonino, Bossi, Bragantini, Buonanno, Callegari, Caparini, Cavallotto, Chiappori, Comaroli, Consiglio, Crosio, Dal Lago, Desiderati, Di Vizia, Dozzo, Dussin, Fabi, Fava, Fedriga, Fogliato, Follegot, Forcolin, Fugatti, Gidoni, Giancarlo Giorgetti, Goisis, Grimoldi, Isidori, Lanzarin, Lussana, Maggioni, Maroni, Martini, Meroni, Molgora, Laura Molteni, Nicola Molteni, Montagnoli, Munerato, Negro, Paolini, Pastore, Pini, Polledri, Rainieri, Reguzzoni, Rivolta, Rondini, Simonetti, Stefani, Stucchi, Togni, Torazzi, Vanalli, Volpi.