• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.0/03533/008/ ... [Misure per ridurre i premi assicurativi per la responsabilità civile]



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/3533/8/10 presentato da PATRIZIA BUGNANO
mercoledì 21 novembre 2012, seduta n. 344

Il Senato,
in sede di esame del disegno di legge recante "Conversione in legge del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese",
premesso che:
il provvedimento in esame reca agli articoli 21 e 22 misure volte al contrasto delle frodi assicurative e a favore della concorrenza e della tutela del consumatore nel mercato assicurativo;
in tal senso è già intervenuto il decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, recante "Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività", convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27. In particolare, l'articolo 32, comma 1, del decreto-legge modificando l'articolo 132 del codice delle assicurazioni private di cui al decreto legislativo n. 209 del 2005, introduce la possibilità per le imprese assicurative di richiedere l'ispezione volontaria del veicolo prima di stipulare il contratto di assicurazione obbligatoria di responsabilità civile per i veicoli a motore; in tal caso è disposta una riduzione delle tariffe. Inoltre, sempre con il consenso dell'assicurato, possono essere istallati meccanismi elettronici che registrano l'attività del veicolo e ne consentono il monitoraggio, la cosiddetta scatola nera o dispositivi equivalenti, individuati con decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministero dello sviluppo economico;
i commi 1-bis e 1-ter dell'articolo 32 prevedono l'emanazione di un regolamento dell'Isvap, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico e il Garante per la protezione dei dati personali, entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto-legge, ossia il 25 giugno 2012, per stabilire le modalità di raccolta, gestione ed utilizzo dei dati raccolti dalle "scatole nere", nonché le modalità per assicurarne l'interoperabilità in caso di cambio dell'assicurazione;
è inoltre demandata ad un decreto del Ministro dello sviluppo economico, da emanare entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore, sentito il Garante per la protezione dei dati personali, la definizione dello standard tecnologico comune hardware e software per la raccolta, la gestione e l'utilizzo dei dati raccolti dalle "scatole nere", al quale le imprese di assicurazione dovranno adeguarsi entro 2 anni dall'emanazione;
come chiarito dall'Isvap con lettera al mercato del 19 aprile 2012, il citato articolo 32 ha introdotto l'obbligo per le imprese di offrire ai consumatori, accanto a polizze base per la responsabilità civile auto, anche polizze per la responsabilità civile auto con scatola nera, a fronte di una significativa riduzione del premio e disposto che l'obbligo trovi applicazione successivamente all'emanazione dell'indicato regolamento, emanato dall'Isvap, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico ed il Garante per la protezione dei dati personali;
dopo 7 mesi dalla conversione del decreto-legge n. 1 del 2012, non solo i provvedimenti attuativi non sono ancora stati emanati, ma anche i benefici che gli assicurati potrebbero ricevere dall'applicazione di tali misure, al momento, sono del tutto incerti, generando non solo un danno ai consumatori, ma anche all'intera filiera del settore telematico;
impegna il Governo:
a procedere tempestivamente all'emanazione dei decreti attuativi di cui all'articolo 32, commi 1 e 1-ter, considerato che la mancata adozione contribuisce a ritardare l'operatività di misure finalizzate a ridurre i premi assicurativi per la responsabilità civile, penalizzando i consumatori e tutta la filiera delle imprese che operano nel settore dei servizi di protezione, sicurezza ed assistenza ai veicoli.
(0/3533/8/10)
BUGNANO