• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/18470 [Sulla realizzazione dello svincolo di Sant'Eufemia d'Aspromonte-Bagnara nell'ambito dei lavori per la A3]



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-18470 presentata da ROBERTO MARIO SERGIO COMMERCIO
giovedì 8 novembre 2012, seduta n.716
COMMERCIO, LOMBARDO e OLIVERI. - Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. - Per sapere - premesso che:

nell'ambito del programma dei lavori sulla A3 da Gioia Tauro a Reggio, il presidente dell'Anas Pietro Ciucci, nel gennaio del 2008, nel corso di una riunione operativa presso la prefettura di Reggio Calabria, ha rassicurato i partecipanti sulla realizzazione dello svincolo di Sant'Eufemia d'Aspromonte-Bagnara;

l'iter per la previsione del nuovo svincolo, voluto fortemente dal territorio per sopperire alle carenze conseguenti alla soppressione di quello preesistente denominato «Bagnara Calabra», prende avvio nel giugno del 2005 quando la provincia di Reggio Calabria invia all'ANAS la proposta di riprogrammare la costruzione dell'intersezione;

nello specifico, il presidente Ciucci nel corso della succitata riunione ha sottolineato che era già stato approvato il progetto preliminare e che: «L'opera (costo 15 milioni di euro) renderà più agevoli i collegamenti e l'opera sarà realizzata entro dicembre del 2008»;

a tutt'oggi, sul sito ufficiale di ANAS spa in merito alle attività sulla Salerno-Reggio Calabria per ciò che riguarda la situazione degli interventi, il punto B. 2.2. recita testualmente: «Nuovo svincolo di S. Eufemia Di Aspromonte, provincia di Reggio Calabria, situato al chilometro 410+000. L'importo del progetto è stimato pari a 20 milioni di euro. Il progetto preliminare è stato redatto dalla Provincia di Reggio Calabria. La redazione del progetto definitivo è attualmente sospesa perché per inserire il nuovo svincolo si renderebbe necessario derogare dalle vigenti norme stradali o intervenire sulle opere autostradali già eseguite. È stata presentata domanda al consiglio superiore dei Lavori Pubblici per andare in deroga all'attuale normativa»;

i comuni di S. Eufemia d'Aspromonte, Bagnara Calabra, Melicuccà, S. Procopio, Sinopoli, Cosoleto, Delianuova, in più occasioni ufficiali, hanno richiesto almeno il ripristino dell'originaria intersezione, pur delocalizzata di poche centinaia di metri più a nord al fine di agevolare le interconnessioni con la viabilità provinciale e locale e finalizzate a ridurre e razionalizzare i percorsi da e verso l'A3;

le istanze degli enti locali trovano ulteriore fondamento nell'opportunità di evitare lo stravolgimento delle consolidate abitudini di collegamento dell'entroterra con l'A3, costringendo a percorrere obbligatoriamente un tratto aggiuntivo di circa 8,2 chilometri per raggiungere il capoluogo e viceversa;

le motivazioni, le esigenze, le richieste del territorio, sono state più volte rappresentate e sollevate in occasioni ufficiali, nel corso delle quali l'ANAS ha sempre espresso posizioni favorevoli alla realizzazione dell'opera -:

quali iniziative urgenti il Ministro interrogato abbia intenzione di intraprendere al fine di verificare lo stato della domanda presso il Consiglio superiore dei lavori pubblici, che preclude l'adozione del progetto definitivo da parte dell'ANAS e, dunque, definire la tempistica per l'avvio dei lavori dello svincolo sopra citato.
(4-18470)