• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/18403 [Monitoraggio sui terreni del casertano e sui concimi sul mercato]



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-18403 presentata da FRANCESCO BARBATO
martedì 6 novembre 2012, seduta n.714
BARBATO. - Al Ministro della salute, al Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, al Ministro della giustizia, al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare. - Per sapere - premesso che:

indagini condotte dalla procura antimafia di Napoli hanno fatto emergere l'esistenza di un «cartello» di aziende del settore smaltimento rifiuti che tra gli anni '90 e sino ai primi anni del 2000 si erano imposte sul mercato proprio grazie alle modalità illecite di smaltimento in grado di garantire l'abbattimento dei costi di esercizio e quindi, di praticare prezzi decisamente concorrenziali rispetto a quelli praticati da imprenditori che agivano nel rispetto della legge;


la notizia è stata data dal quotidiano Repubblica il 29 ottobre 2012;


rifiuti tossici dovevano essere trattati nell'impianto di compostaggio gestito dalla società RFG, intestata al figlio di Elio Roma e finivano invece direttamente nei terreni agricoli del casertano, individuati grazie ad alcune collaborazioni;


«I contadini - si legge nell'articolo - alcuni compiacenti, ricevevano in cambio del denaro. Ad altri invece, ignari di quanto stava realmente accadendo, veniva riferito che si trattava di concimi e fertilizzanti. Sia su quello sequestrato che in quelli circostanti, gli accertamenti disposti dalla Procura Antimafia di Napoli nel corso delle indagini hanno evidenziato preoccupanti livelli di contaminazione da arsenico, cadmio, idrocarburi pesanti, stagno ed altre sostanze altamente nocive»;


i fatti esposti, a parere dell'interrogante, sono gravi e tali da richiedere un immediato intervento dei Ministri interrogati, ciascuno per le proprie competenze, affinché siano adottate iniziative urgenti a tutela della salute umana, anche mediante l'inasprimento delle pene per i reati di disastro ambientale e colposo laddove è in gioco la salute di grandi e bambini in spregio a qualsiasi legge etica -:


quali iniziative intendano assumere, se non intendano promuovere, per quanto di competenza, un monitoraggio immediato su gran parte dei terreni del casertano e sui concimi sul mercato nonché quali misure preventive si intendano adottare per scongiurare che sostanze tossiche proliferino nei terreni sottoposti a coltivazione. (4-18403)