• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.3/02578 [Posticipare il termine per il versamento dell'ultima rata dell'imposta municipale unica]



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in Assemblea 3-02578 presentata da GIANPAOLO DOZZO
martedì 30 ottobre 2012, seduta n.711
DOZZO, MARONI, BOSSI, LUSSANA, FOGLIATO, MONTAGNOLI, FEDRIGA, FUGATTI, ALESSANDRI, ALLASIA, BITONCI, BONINO, BRAGANTINI, BUONANNO, CALLEGARI, CAPARINI, CAVALLOTTO, CHIAPPORI, COMAROLI, CONSIGLIO, CROSIO, D'AMICO, DAL LAGO, DESIDERATI, DI VIZIA, DUSSIN, FABI, FAVA, FOLLEGOT, FORCOLIN, GIDONI, GIANCARLO GIORGETTI, GOISIS, GRIMOLDI, ISIDORI, LANZARIN, MAGGIONI, MARTINI, MERONI, MOLGORA, LAURA MOLTENI, NICOLA MOLTENI, MUNERATO, NEGRO, PAOLINI, PASTORE, PINI, POLLEDRI, RAINIERI, REGUZZONI, RIVOLTA, RONDINI, SIMONETTI, STEFANI, STUCCHI, TOGNI, TORAZZI, VANALLI e VOLPI. - Al Ministro dell'economia e delle finanze. - Per sapere - premesso che:
il decreto-legge n. 201 del 2011 anticipa, con decorrenza a partire dal 2012, il nuovo tributo imu, l'imposta che ripristina la tassazione dell'abitazione principale e che prevede, altresì, la tassazione su tutti gli altri immobili, compresi i terreni agricoli ed i terreni edificabili, diversi dalla prima abitazione, stabilendo parimenti come il gettito derivante dall'imposta sulle abitazioni principali rimanga ai comuni e che il 50 per cento del gettito d'imposta ad aliquota standard, che è fissata in 0,76 per cento, degli immobili diversi dall'abitazione principale, sia versato nelle casse dell'erario;

a seguito della revisione della stima complessiva del gettito dell'imposta a livello nazionale e della prevista riduzione a valere sulle risorse dei singoli comuni del fondo sperimentale di riequilibrio e del fondo perequativo in misura pari al maggior gettito derivante dalla nuova disciplina dell'imposta municipale propria (imu) rispetto al gettito ici del 2010, così come previsto dall'articolo 13, comma 17, del medesimo decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, il Governo è intervenuto, attraverso il decreto-legge n. 16 del 2012, stabilendo nuovi termini per il pagamento dell'imposta;

successivamente al pagamento della prima rata, stabilita per il giorno 18 giugno 2012, infatti, è stato definito come termine ultimo per il versamento del saldo dell'imposta la data del 17 dicembre 2012;

la continua revisione delle spettanze a favore dei comuni sul fondo sperimentale di riequilibrio e del fondo perequativo, determinata dalle modifiche del dipartimento delle finanze, ha costretto il Governo a posticipare il termine ultimo per l'approvazione dei bilanci preventivi 2012 dei comuni, ad oggi fissato al 31 ottobre 2012, data entro la quale i comuni dovranno, altresì, stabilire le eventuali variazioni delle aliquote imu, così come stabilito dal medesimo decreto-legge n. 201 del 2011, comunque entro un predeterminato range di valori, ma che, proprio in ragione dei minori trasferimenti erariali, saranno mediamente più elevate rispetto alle aliquote di base;

successivamente alla fissazione delle aliquote imu, inoltre, gli enti locali dovranno, altresì, comunicare tali valori al Ministero dell'economia e delle finanze, il quale provvederà poi a pubblicare sul proprio sito tali determinazioni, in modo da consentire ai cittadini di poter calcolare con certezza l'importo del versamento da effettuare, sia per l'abitazione principale che per gli altri immobili;

la congiunzione dei fattori sopra descritti comporterà la pubblicazione dei valori d'imposta a ridosso della scadenza per il versamento dell'ultima rata dell'imposta, rendendo problematico il procedimento per la corresponsione, sia per i cittadini, i quali si suppone attenderanno gli ultimi giorni per liquidare il tributo, sia per i centri di assistenza fiscale, i quali, non potendo calcolare per tempo e con la dovuta precisione gli importi da versare, si ritroveranno certamente in una situazione in cui la possibilità di poter commettere degli errori sarà estremamente elevata -:
se il Ministro interrogato non ritenga opportuno adottare iniziative per posticipare il termine per il versamento dell'ultima rata dell'imposta municipale unica, oggi previsto per il 17 dicembre, al 31 dicembre 2012. (3-02578)