• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.4/08535 [Utilizzo di macchine e uomini della Guardia di Finanza da parte di un noto magistrato della Procura di Napoli]



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-08535 presentata da STEFANO PEDICA
giovedì 25 ottobre 2012, seduta n.821

PEDICA - Al Presidente del Consiglio dei ministri e al Ministro dell'economia e delle finanze - Premesso che:

da quanto si apprende da articoli e agenzie di stampa, già nell'ambito dell'indagine sulla cosiddetta P4 e sui rapporti con il faccendiere Luigi Bisignani, era emerso che un noto magistrato della Procura di Napoli, che ha ricoperto incarichi politici, sin dal 2001, quando era stato distaccato presso il Ministero della giustizia, aveva a disposizione macchine e uomini delle Fiamme Gialle, non solo per sé ma anche per «scarrozzare la moglie avvocato, i figli che frequentavano il nuoto o il calcetto, persino l'amante, viaggiando tra Napoli, Roma e numerose località di vacanza» (articolo di Fiorenza Sarzanini, "Corriere della sera" del 17 ottobre 2012);

gli investigatori della finanza, incaricati di svolgere accertamenti sull'operato dei colleghi, alla fine hanno ricostruito ruoli e circostanze di quanto citato;

agli ufficiali e sottufficiali interessati dall'inchiesta è stato così notificato un avviso a comparire e saranno interrogati nei prossimi giorni;

si legge nell'articolo citato: «Secondo l'accusa, l'organizzazione sarebbe stata affidata a Paolo Poletti, attuale numero due dell'Aisi, il servizio segreto civile, quando era alto ufficiale delle Fiamme Gialle»,

si chiede di sapere:

quali iniziative si intendano adottare in ordine a quanto evidenziato in premessa a carico degli ufficiali e sottufficiali della Guardia di finanza coinvolti;

se non si ritenga di dover procedere alla rimozione di Poletti dal ruolo attualmente ricoperto.

(4-08535)