• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.5/08109 [Il caso del bambino di Cittadella]



Atto Camera

Interrogazione a risposta in Commissione 5-08109 presentata da SANDRA ZAMPA
giovedì 11 ottobre 2012, seduta n.701
ZAMPA, CODURELLI, VIOLA, LO MORO, SCHIRRU, MATTESINI, CONCIA, GIACHETTI, SBROLLINI, FRONER, D'INCECCO, BRANDOLINI, DE TORRE, ARGENTIN, DE PASQUALE, BENAMATI, LAGANÀ FORTUGNO, MELIS, BUCCHINO, BERNARDINI, SARUBBI, ZUCCHI, BELLANOVA, PES, VENTURA, CENNI, D'ANTONA, SIRAGUSA, LEVI, MIGLIOLI, LULLI, SAMPERI, MARCHIGNOLI, CAPANO e MARCO CARRA. - Al Ministro dell'interno. - Per sapere - premesso che:

nel corso della trasmissione «Chi l'ha visto», andata in onda su Rai 3 il 10 ottobre 2012 è stato trasmesso un video amatoriale nel quale si vedono alcuni agenti e un'ispettrice di polizia che prelevano un bambino di anni 10 da una scuola elementare di Cittadella (Padova), portandolo a braccio verso una volante della Polizia e trascinandolo a terra in alcuni momenti;

la vicenda ha avuto luogo in esecuzione di un'ordinanza della sezione minori della corte d'Appello di Venezia che stabilisce che la patria potestà del bambino è da attribuire al papà;

l'ordinanza stabilisce la necessità dell'allontanamento dalla casa materna del bimbo, che attualmente si trova in una casa famiglia a Padova, in carico ai servizi sociali;

nel mese di agosto e settembre altri due tentativi di portare via il piccolo dalla casa materna erano falliti per l'opposizione del bimbo, che per non essere portato via dalla madre, si era nascosto sotto al letto;

il filmato permette anche di udire l'ispettrice di polizia, presente nel video, rivolgersi ad una donna presente (presumibilmente la zia del bambino) e che si oppone al prelevamento del bambino, con la seguente affermazione: «Sono un ispettore di polizia, lei non è nessuno» -:

se non reputi grave, quanto accaduto, e cioè che un bambino di 10 anni possa essere trattato da agenti della polizia alla stregua di un criminale;

come giudichi il fatto che un ispettore di polizia possa rivolgersi nei termini citati ad un cittadino;

se non ritenga doveroso verificare la correttezza del citato intervento di polizia. (5-08109)