• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.3/03090 [Sul concorso per allievi carabinieri]



Atto Senato

Interrogazione a risposta orale 3-03090 presentata da ROBERTA PINOTTI
mercoledì 3 ottobre 2012, seduta n.807

PINOTTI, SCANU, AMATI, CRISAFULLI, DEL VECCHIO, CHITI, NEGRI - Al Ministro della difesa - Premesso che:

il 25 febbraio 2012 è stato indetto un bando per esami e titoli per il reclutamento di 1.886 allievi carabinieri effettivi, riservato, ai sensi dell'articolo 2199 del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, ai volontari delle Forze armate in ferma prefissata di un anno o quadriennale;

il concorso si è concluso il 26 marzo 2012;

il bando prevedeva espressamente che «i candidati idonei, fino a concorrenza dei posti messi a concorso saranno dichiarati vincitori secondo l'ordine delle graduatorie ed ammessi alla frequenza del corso formativo, che si svolgerà presso i Reparti di istruzione di assegnazione» e che «i vincitori del concorso, senza attendere alcuna comunicazione, dovranno presentarsi presso i Reparti di istruzione, nella data e con le modalità che saranno resi noti, verosimilmente a partire dal 21 settembre 2012»;

a seguito della pubblicazione delle graduatorie i giovani risultati vincitori del concorso si sono resi disponibili a presentarsi presso i reparti di istruzione come previsto nel bando;

ciononostante, a tutt'oggi, i 1.886 allievi carabinieri non hanno ancora preso servizio e, quel che più sconcerta, nessun chiarimento è stato a questi fornito in ordine a se ciò avverrà e quando;

si tratta di 1.886 ragazzi e ragazze che hanno vinto un regolare concorso del Ministero della difesa e che sulla base di ciò hanno assunto delle decisioni personali e si sono organizzati di conseguenza, rinunciando, in alcuni casi, anche ad altre offerte di lavoro;

considerato che:

da alcune notizie pervenute agli interroganti, ciò sarebbe da attribuire al contenimento della spesa e del blocco del turnover disposti anche per il Ministero della difesa a seguito della recente approvazione del provvedimento di revisione della spesa pubblica;

l'esigenza di procedere ad una riduzione della spesa era nota all'Esecutivo ben prima del 6 luglio 2012, ovvero prima della data in cui il Ministero della difesa ha pubblicato il bando, lasciando intendere in tal modo ai candidati che i tagli previsti non avrebbero compromesso la svolgimento del concorso;

negli ultimi anni molteplici sono stati i tagli di risorse finanziarie ed umane inferti al settore della difesa e della sicurezza e il concorso in questione rappresentava anche il primo vero segnale l'atteso e sperato cambio di marcia che da tempo veniva chiesto,

si chiede di sapere se, e attraverso quali azioni, il Ministro in indirizzo intenda tutelare i vincitori del bando per il reclutamento di 1.886 allievi carabinieri, salvaguardando la loro posizione in graduatoria ove i limiti imposti dal taglio del turnover non consentisse la loro immediata assunzione.

(3-03090)