• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/17453 [Emergenza idrica nella regione Piemonte]



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-17453 presentata da GAETANO NASTRI
mercoledì 5 settembre 2012, seduta n.680
NASTRI. - Al Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali. - Per sapere - premesso che:

l'estate in corso è stata caratterizzata da ondate di caldo di livello molto duraturo (oltre 75 giorni, iniziato a metà giugno) a fasi alterne anche in maniera intensa;

in molte aree geografiche la siccità, che ha agevolato gli incendi, ha determinato gravi problemi per l'agricoltura e per l'intera filiera del comparto, causando ingenti danni alla raccolta e cali alla produzione di circa 20-30 per cento per numerosi prodotti agricoli;

l'emergenza idrica in particolare nella regione Piemonte, soprattutto per le esigenze dell'agricoltura, è stata oggetto di attente valutazioni, a causa della stagione estiva che si è contraddistinta per le scarsissime piogge;

gli interventi per la realizzazione di nuovi invasi all'interno dell'area geografica della suddetta regione per la raccolta dell'acqua, risultano di conseguenza necessari e strettamente connessi con quanto suesposto, al fine di fronteggiare il persistente fenomeno della siccità e dell'allarme idrico in Piemonte, che sebbene non abbia raggiunto livelli di estrema criticità rispetto ad altre regioni, necessita tuttavia un piano pluriennale di interventi volto a soddisfare le esigenze dei territori piemontesi;

il presidente della regione Piemonte con riferimento a quanto suesposto ha recentemente affermato che nei prossimi anni, occorrerà la realizzazione di almeno 5 nuovi invasi, alcuni dei quali già progettati ed inseriti all'interno dei inserito nel Piano irriguo nazionale e finanziato in parte dal Ministero interrogato, come quello in Valle Sessera, in provincia di Biella, al fine di evitare un collasso dei settori produttivi ed in particolare di quello agricolo -:

quali orientamenti intenda esprimere con riferimento a quanto esposto in premessa;

se in considerazione di quanto esposto in premessa e con riguardo alla regione Piemonte, la cui area geografica risulta essere d'importanza strategica per il settore agricolo a livello nazionale, non intenda prevedere ulteriori finanziamenti a sostegno della realizzazione di nuovi invasi per la raccolta dell'acqua al fine di fornire una risposta, strutturale e non episodica, alla siccità che devasta sempre più spesso intere aree agricole del Piemonte e dell'Italia.(4-17453)