• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/17434 [Ritrovamento di un capitello tra Ottaviano e Piazzolla di Nola]



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-17434 presentata da FRANCESCO BARBATO
mercoledì 5 settembre 2012, seduta n.680
BARBATO. - Al Ministro per i beni e le attività culturali. - Per sapere - premesso che:

negli anni ottanta nel corso dei lavori per la realizzazione di una scuola tra Ottaviano e Piazzolla di Nola (Napoli), in località Villa Albertini, fu ritrovato un capitello di inestimabile valore storico-artistico-culturale forse parte di una Villa Augustea o di un tempio;

per alcuni anni è stato nel deposito di un'azienda edile, poi preso in consegna dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale che lo hanno tenuto sotto sequestro, prima di dare il via libera al professor Giuseppe Vecchio per l'esposizione presso il museo archeologico di Nola;

a detta di studiosi del settore detto «capitello» per dimensioni e tipologia è decisamente originale: l'ipotesi è che possa essere addirittura parte di una villa romana di livello;

Giuseppe Vecchio, ispettore per l'area nolana della soprintendenza archeologica di Napoli, ebbe a definirlo «reperto importantissimo» (Il Mattino, 13 giugno 2011, a firma di Francesco Gravetti);

il ritrovamento del «capitello» si deve al comitato civico di Ottaviano e del blog ottavianesi.it: Gennaro Barbato (vicepresidente), Marco Antonio Giorgio, Paola Castiglia;

l'esemplare pesa almeno 400 chili, è in marmo bianco ed è di tipo «composito», costituito da un kalathos corinzio, con una sola corona di foglie d'acanto, a cui si sovrappone un capitello ionico a quattro facce completate superiormente da un abaco di nuovo corinzio;

da indiscrezioni stampa ci sarebbe una indagine in corso, per capire come sia finito nel deposito, perché sia rimasto nascosto a lungo, se ci sono altri reperti ad Ottaviano o Nola;

l'esposizione del capitello nolano aumenterebbero l'offerta turistico-culturale del territorio favorendo la valorizzazione complessiva del patrimonio archeologico dell'area vesuviana e nolana;

ad avviso dell'interrogante occorre intervenire subito e ciò per due motivi: non sono stati effettuati ancora i saggi né è stato posto il vincolo archeologico -:

di quali notizie disponga il Ministro interrogato sul capitello e quali iniziative intenda assumere al fine di assegnargli la degna collocazione nonché la meritata visibilità così come appassionati del genere, studiosi e turisti desiderano per tutto ciò che è storia di questo Paese; (4-17434)