• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/17338 [Revisori dei conti]
LEGGI ANCHE IL TESTO DELLA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE
Testo della risposta scritta



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-17338 presentata da ANTONIO DI PIETRO
martedì 7 agosto 2012, seduta n.678
DI PIETRO. - Al Ministro dell'interno. - Per sapere - premesso che:

l'articolo 16, comma 25, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, ha previsto che a decorrere dal primo rinnovo dell'organo di revisione successivo alla data di entrata in vigore dello stesso decreto-legge, i revisori dei conti degli enti locali - appartenenti alle regioni a statuto ordinario, speciale e alle province autonome - sono scelti mediante estrazione da un elenco nel quale possono essere inseriti, a richiesta, i soggetti iscritti, a livello regionale, nel registro dei revisori legali di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, nonché gli iscritti all'ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili;

in sostanza, i revisori gli enti locali non sono più scelti dai consigli comunali o provinciali, ma sorteggiati tra quanti ascritti in un apposito elenco e possessori di determinati requisiti, individuati con regolamento adottato dal Ministro dell'interno nel mese di febbraio 2012;

tra i requisiti necessari ai fini dell'iscrizione dell'elenco figura il possesso di crediti formativi, conseguiti nel triennio 2009-2011;

ad avviso dell'interrogante - considerando che l'introduzione delle nuove regole di nomina dei revisori degli enti locali si deve ad una disposizione della scorsa estate, subordinata all'emanazione del successivo regolamento - il combinato disposto configura una incongruente «tagliola»: crediti formativi validi al fine di acquisire il diritto all'iscrizione, in prima battuta, nel costituendo elenco, è cosa possibile a pochi professionisti;

oltre il 90 per cento dei commercialisti - tra l'altro, i soli ad aver esercitato la revisione degli enti locali, poiché la normativa previgente disponeva espressamente la loro partecipazione nei collegi di revisione - potrebbe non aver accesso all'iscrizione, poiché privo di ufficiali crediti da esibire conseguiti entro il termine utile, il 31 dicembre 2011: ciò rende possibile che professionisti che sono revisori da anni, con grande esperienza acquisita, siano fuori e altri, con crediti acquisiti nel dicembre 2011, e poca esperienza, vi rientrino -:

se non intenda adottare iniziative normative finalizzate ad estendere il limite di riconoscibilità dei crediti formativi fino alla data di presentazione della domanda di iscrizione nell'elenco indicato o a quella di adozione del regolamento ministeriale. (4-17338)