• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.9/05312/131 [Internazionalizzazione delle imprese]



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/05312/131presentato daGARAVINI Lauratesto diMercoledì 25 luglio 2012, seduta n. 672

La Camera,
premesso che:
l'internazionalizzazione delle imprese italiane costituisce un elemento essenziale della strategia di ripresa e di crescita della nostra economia;
tale obiettivo è presente nel provvedimento in esame, come dimostrano gli interventi previsti dagli articoli 41 e 42 del decreto-legge;
nel suo percorso di internazionalizzazione, il nostro Paese dispone di una risorsa costituita dalla presenza di molteplici comunità di connazionali e da decine di milioni di persone che avvertono ancora un legame con il Paese d'origine e che per questa ragione sono un reale fattore di proiezione del Made in Italy e di affermazione del consumo dei nostri prodotti nel mondo:
lo sforzo di sostenere la proiezione del nostro sistema economico in ambito globale, non sempre si è coniugato, anche nelle misure volte al rilancio della nostra economia adottate in questi ultimi tempi, con un'adeguata consapevolezza dell'opportunità di valorizzare la presenza degli italiani all'estero come leva dello sviluppo del «sistema Paese»;
considerate le gravi difficoltà della nostra economia occorre sfruttare con urgenza tutte le risorse di cui l'Italia dispone direttamente o indirettamente, e in particolare quell'autentico avamposto dei nostri interessi nazionali, costituito dai cinque milioni di concittadini residenti all'estero e dalle comunità di origine collocate nelle aree più dinamiche del mondo;
al rilevante retroterra storico dell'emigrazione italiana, si aggiunge oggi il fenomeno delle cosiddette «nuove mobilità» che portano all'estero migliaia di giovani dotati di elevati livelli culturali e di professionalità di alto profilo; essi rappresentano potenziali risorse da recuperare nell'ambito di una maggiore proiezione del «sistema Italia»,

impegna il Governo:

a rappresentare all'ICE-Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane l'opportunità di tenere conto della presenza italiana nel mondo nell'ambito dei programmi e delle iniziative di internazionalizzazione, con specifico riferimento alle rappresentanze ufficiali delle nostre comunità (Comites e CGIE) e all'associazionismo regionale e locale;
a favorire una più intensa collaborazione tra l'ICE e le Camere di commercio italiane all'estero che abbiano dimostrato efficienza nell'organizzazione dei loro servizi;
nell'ambito del decreto che sarà adottato dal Ministro dello sviluppo economico ai sensi dell'articolo 42, comma 2, del provvedimento in esame, a dare adeguata attenzione ai progetti delle imprese che prevedano l'utilizzazione delle competenze e delle professionalità dei giovani italiani operanti stabilmente nei mercati esteri e a valorizzare i progetti che prevedano attività di partenariato con le imprese promosse all'estero da connazionali.
9/5312/131. Garavini, Gianni Farina, Fedi, Porta.