• Testo della risposta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/12427 [Sull'utilizzo degli operatori della sicurezza davanti alle sale cinematografiche e ai teatri]



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata lunedì 23 luglio 2012
nell'allegato B della seduta n. 670
All'Interrogazione 4-12427 presentata da
GABRIELLA CARLUCCI
Risposta. - Con decreto del Ministro dell'interno del 30 giugno 2011 sono state apportate modifiche al decreto ministeriale del 6 ottobre 2009 recante la determinazione dei requisiti per l'iscrizione nell'elenco prefettizio del personale addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi, le modalità per la selezione e la formazione del personale, gli ambiti applicativi e il relativo impiego, di cui ai commi da 7 a 13 dell'articolo 3 della legge 15 luglio 2009, n. 94.
In particolare, all'articolo 4 dopo il comma 1, è stato inserito il comma 1-bis, che esclude dall'ambito di applicazione delle disposizioni del citato decreto del 6 ottobre 2009 il personale addetto ai locali individuati dal decreto del Ministro dell'interno 19 agosto 1996, recante «Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo», di cui all'articolo 1, comma 1, lettere a), b), c), d), h), e i) limitatamente agli spettacoli viaggianti, salvo che nei medesimi locali si svolgano, congiuntamente alla somministrazione di bevande alcoliche, anche attività d'intrattenimento e spettacolo diverse da quelle cui i medesimi sono destinati.
Per i parchi di divertimenti, di cui alla predetta lettera i), le disposizioni del presente decreto si applicano al solo personale addetto a svolgere tutte le attività individuate dall'articolo 5. Sono altresì esclusi dall'applicazione delle disposizioni del presente decreto gli spettacoli che si svolgono temporaneamente nei luoghi di culto, nonché quelli realizzati all'interno di fiere e sagre, qualora sia previsto un servizio a tutela della pubblica incolumità.
Considerato che le lettere a), b) e c) del citato articolo 1, comma 1 del decreto ministeriale del 19 agosto 1996 contemplano rispettivamente i teatri, i cinematografi ed i cinema-teatri, ne deriva ipso iure la non applicabilità della normativa di cui al più volte citato decreto ministeriale del 6 ottobre 2009 a tali locali d'intrattenimento e spettacolo.

Il Sottosegretario di Stato per l'interno: Carlo De Stefano.