• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.0/03129/031/ ... [Destinare all'Emilia-Romagna colpita dal sisma una quota dei Fondi europei non ancora spesi]



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/3129/31/14 presentato da ALBERTINA SOLIANI
mercoledì 20 giugno 2012, seduta n. 213

Il Senato,
in sede di discussione del disegno di legge AS 3129 recante «Disposizioni per l'adempimento degli obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunità europee - Legge comunitaria 2011»
premesso che:
il Trattato sulla stabilità, sul coordinamento e sulla governane nell'unione economica e monetaria, in corso di ratifica nel Parlamento italiano, al Titolo III, art. 3, paragrafo 3, lettera b), dà una definizione di "circostanze eccezionali", che possono essere invocate per "deviare temporaneamente dagli obiettivi di medio termine di ciascuno Stato o dal percorso di avvicinamento a tali obiettivi: «per "circostanze eccezionali" si intendono eventi inconsueti non soggetti al controllo della parte contraente interessata che abbiano rilevanti ripercussioni sulla situazione finanziaria della pubblica amministrazione oppure periodi di grave recessione economica ai sensi del patto di stabilità e crescita rivisto »;
considerato che:
la regione Emilia Romagna, nonché le province di Mantova e Rovigo, alla grave crisi economica e sociale in atto, ha visto sommarsi i gravissimi danni prodotti dagli eventi sismici iniziati nel maggio 2012;
tali danni necessitano, per essere ripianati, di interventi molteplici, rapidi ed efficienti, e soprattutto di una quantità di risorse ingenti che siano rese disponibili nel minor tempo possibile, per consentire ai cittadini di tornare quanto prima a condizioni di vita e di lavoro normali e per non bloccare per lungo tempo l'apparato produttivo di una regione che rappresenta il 2% del Pil nazionale,
impegna il Governo:
a verificare in tempi rapidissimi con la Commissione europea la possibilità di destinare alla regione Emilia-Romagna e alle altre regioni interessate dal sisma, in aggiunta alle risorse già ad essa destinate derivanti dal Fondo di solidarietà, anche una quota dei Fondi europei non ancora spesi, al fine di consentirle di fronteggiare l'emergenza in tempi rapidi.
(0/3129/31/14)
SOLIANI, MARINARO, ADAMO, BARBOLINI, BASTICO, BERTUZZI, DEL VECCHIO, FINOCCHIARO, FONTANA, GHEDINI, MARINO MAURO MARIA, MERCATALI, PEGORER, PIGNEDOLI, SANGALLI, SIRCANA, TOMASELLI, VITALI