• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.3/02388 [Esercizio della libera professione medica ed odontoiatrica]



Atto Camera

Interrogazione a risposta orale 3-02388 presentata da RENZO LUSETTI
giovedì 12 luglio 2012, seduta n.665
LUSETTI. - Al Ministro della salute. - Per sapere - premesso che:

la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività come recita il primo comma dell'articolo 32 della Costituzione;

tale diritto è garantito dal Servizio sanitario nazionale che assicura, attraverso risorse finanziarie pubbliche, livelli di assistenza essenziali ed uniformi nel rispetto dei princìpi della dignità della persona umana, del bisogno di salute, dell'equità nell'accesso all'assistenza, della qualità delle cure e della loro appropriatezza riguardo a specifiche esigenze, nonché dell'economicità nell'impiego delle risorse;

la salvaguardia del diritto alla salute trova infatti la sua espressione qualificante nella libera scelta delle cure e del medico da parte del cittadino e nella garanzia della continuità delle cure, nel rispetto dei reali bisogni assistenziali e del rapporto di fiducia caratteristico, ineludibile e proprio del rapporto medico-paziente;

accanto ai medici appartenenti al Servizio sanitario nazionale esistono liberi professionisti, medici ed odontoiatri, che non usufruiscono di risorse finanziarie pubbliche;

l'esercizio della libera professione medica ed odontoiatrica è un diritto disciplinato, dalle autonomie legislative regionali, difformemente da regione a regione -:

quali iniziative, per quanto di sua competenza, intenda intraprendere al fine di garantire il diritto di esercitare la libera professione, sull'intero territorio nazionale, a tutti i laureati in medicina o in odontoiatria, abilitati all'esercizio professionale ed iscritti agli ordini professionali, che non hanno rapporti economici con il Servizio sanitario nazionale.(3-02388)