• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.5/07315 [Completamento della Lecco-Bergamo]



Atto Camera

Interrogazione a risposta in Commissione 5-07315 presentata da LUCIA CODURELLI
mercoledì 11 luglio 2012, seduta n.664
CODURELLI. - Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. - Per sapere - premesso che:

l'asse viario Bergamo-Lecco (variante ex strada statale 639) è un'opera strategica che si configura come variante all'itinerario della strada provinciale ex strada statale 639 e della strada provinciale ex strada statale 342 in attraversamento dell'abitato di Cisano Berg. per un'estesa complessiva di 3.430 metri ed è finalizzato alla sottrazione della quota di traffico che interessa il centro urbano;

l'opera s'inserisce nel programma di riqualificazione degli itinerari di attraversamento est-ovest della Lombardia e in particolare tra gli interventi di adeguamento e potenziamento della ex strada statale 639 «dei laghi di Pusiano e di Garlate», di collegamento tra Lecco e Bergamo. Il tracciato si sviluppa da nord a sud nei territori dei comuni di Lecco, Vercurago e Calolziocorte e ha un'estensione di circa 4,6 chilometri dei quali 3,4 chilometri in galleria. Il progetto complessivo dell'opera, suddiviso in due lotti funzionali denominati «San Gerolamo» e «Lavello», prevede la realizzazione di: tre tratti di strada a cielo aperto; due gallerie, denominate «San Gerolamo» (lunga circa 2,4 chilometri e che costituisce la variante di Vercurago) e «Lavello» (di circa 1 chilometro e che costituisce parte della variante di Calolziocorte), con i relativi impianti di ventilazione e di illuminazione e le opere connesse; una breve galleria di sicurezza che connette l'asta principale alla superficie, nel comune di Vercurago; quattro rotatorie. Il progetto definitivo del lotto funzionale «San Gerolamo», da Chiuso di Lecco a via dei Sassi in Calolziocorte, riguarda un tratto di 2,7 chilometri circa, di cui 2,4 chilometri in galleria (sotto i centri abitati di Vercurago e Calolziocorte e sotto la falda del lago), galleria che sarà realizzata ad unico fornice e con carreggiata a doppio senso di marcia;

il costo totale del progetto è di 53,05 milioni di euro di cui 25,82 milioni di euro stanziati dalla legge n. 443 del 2001 (Governo Prodi);

in sede Cipe sono stati approvati sia il progetto preliminare che quello definitivo ed il cronoprogramma dell'opera prevede: gara prevista nel secondo semestre 2012; contratto previsto nel primo semestre 2013; inizio lavori nel secondo semestre 2013; fine lavori prevista nel secondo semestre 2015;

opera confermata dal CIPE in data 6 dicembre 2011 è intitolata «Corridoio comunitario strategico»; l'importo dell'intervento è di 53,05 milioni di euro; il progetto ha ottenuto i pareri degli enti interessati e può essere trasmesso al CIPE appena disponibile l'ulteriore finanziamento di 27,23 milioni di euro, così come confermato dalla scheda della struttura tecnica di missione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti;

si è appreso da notizie di stampa che il Governo Monti ha tolto ai lecchesi i soldi della Lecco-Bergamo, bloccando la Galleria Vercurago-Calolzio, approvata dal Cipe e già appaltata -:

se trovi riscontro la notizia di cui in premessa e quale sia il reale stato delle risorse previste per il completamento dell'opera suddetta a partire dai 27,23 milioni di euro sopra citati.(5-07315)