• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.3/02375 [Soppressione del tribunale di Ischia]



Atto Camera

Interrogazione a risposta orale 3-02375 presentata da AMEDEO LABOCCETTA
lunedì 9 luglio 2012, seduta n.662
LABOCCETTA, CASTIELLO, MUSSOLINI, CESARO, MILANESE, MILO, NICOLUCCI, MALGIERI, FORMICHELLA, LANDOLFI, STASI, COSENZA, PAOLO RUSSO, PETRENGA, SCALERA e COSENTINO. - Al Ministro della giustizia. - Per sapere - premesso che:

la decisione assunta dal Governo di razionalizzare gli uffici giudiziari nell'ambito di quella che vuole essere una revisione di spesa generale non può, ad avviso degli interroganti, disattendere quelle che sono le peculiarità territoriali e le condizioni generali sulle quali la stessa rischia di andare ad incidere pesantemente;

in tale ottica, la soppressione paventata della sede distaccata del tribunale di Napoli che opera a Ischia rischia di costringere ben 400 avvocati ad effettuare costanti e ripetuti spostamenti per esercitare la loro professione e tutelare i diritti dei loro assistiti; a ciò aggiungasi le difficoltà che gli stessi abitanti isolani incontrerebbero nel dover raggiungere la terraferma per veder garantiti i propri diritti unito all'aumento dei costi delle parcelle per sostenere una causa;

inoltre la soppressione del tribunale di Ischia comporterà inevitabilmente un'ulteriore rallentamento dei processi facendo venir meno quella garanzia di giustizia fondamentale per la sede napoletana già vessata da un alto tasso di criminalità -:

se il Ministro ritenga opportuno rivedere la decisione assunta al fine di scongiurare tutte le difficoltà che altrimenti ne conseguirebbero onde garantire il diritto di giustizia e, al contempo, tutelare gli interessi degli stessi cittadini.
(3-02375)