• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.9/05273-A/061 [Corretta istituzione sotto il profilo costituzionale delle Comunità di valle]



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/05273-A/061presentato daFUGATTI Mauriziotesto diMartedì 3 luglio 2012, seduta n. 659

La Camera,
premesso che:
la Provincia autonoma di Trento, con legge provinciale n. 3 del 2006 «Norme in materia di governo dell'autonomia del Trentino» e successive modificazioni (legge provinciale n. 15 del 2009 e legge provinciale n. 26 del 2010), ha istituito le Comunità di Valle ovvero un nuovo ente pubblico intermedio a cui sono trasferite alcune importanti funzioni amministrative dalla stessa Provincia e dai comuni;
tali organismi sono costituiti obbligatoriamente dai comuni per l'esercizio in forma associata delle competenze trasferite dalla Provincia e per l'esercizio di funzioni, compiti, attività e servizi trasferiti dagli stessi comuni o assegnati dalla legge;
le comunità di valle si occupano a pieni poteri delle politiche sociali ed abitative, tutela ambientale, igiene ambientale, hanno un proprio servizio finanziario e si occupano della pianificazione territoriale,
a differenza dei precedenti comprensori, i quali costituivano il braccio operativo della Provincia autonoma di Trento, la comunità di valle svolge in via principale le funzioni amministrative ad essa assegnate, con conseguente aumento dei costi pubblici;
tale ente è costituito dai comuni dei vari territori in cui il Trentino è stato suddiviso (16) ma non in Val d'Adige. Sono composte da un presidente di Comunità, da un organo esecutivo (da 4 a 7 assessori), da una Assemblea (in alcuni casi arriva ad avere oltre quaranta rappresentanti), dalla conferenza dei sindaci; tali organi ai vari livelli sono retribuiti con indennità di carica;
considerato che l'articolo 114 della Costituzione non prevede l'istituzione e la presenza sul territorio italiano delle comunità di valle come organismo amministrativo ed istituzionale, e di conseguenza non può essere attribuita personalità giuridica ad esse;
considerato anche quanto previsto nel decreto salva Italia all'articolo 23 comma 22 che recita: «La titolarità di qualsiasi carica, ufficio o organo di natura elettiva di un ente territoriale non prevista dalla Costituzione è a titolo esclusivamente onorifico e non può essere fonte di alcuna forma di remunerazione, indennità o gettone di presenza»,

impegna il Governo

a valutare, nel rispetto dello Statuto di autonomia della Provincia autonoma di Trento, la corretta istituzione sotto il profilo costituzionale delle comunità di valle arrivando anche a prevederne eventualmente la abrogazione.
9/5273-A/61. Fugatti.