• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.4/07831 [Tutelare i lavoratori del settore dei trasporti]



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-07831 presentata da ROBERTA PINOTTI
giovedì 28 giugno 2012, seduta n.755

PINOTTI - Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali - Premesso che:

l'art. 24 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, ha modificato la situazione in materia di trattamenti pensionistici per i lavoratori di ex Ferrovie dello Stato e anche per i lavoratori iscritti al Fondo speciale istituito presso l'Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) dall'aprile 2000 ai sensi dell'articolo 43 della legge 23 dicembre 1999, n. 488, ed in sostituzione del precedente Fondo pensione del personale di Ferrovie dello Stato;

in particolare tali modifiche non consentono, a decorrere dal 1° gennaio 2012, la possibilità per il personale ferroviario di macchina e viaggiante di andare in pensione all'età di 58 anni sia per le donne che per gli uomini e di percepire la pensione anticipata in caso di inidoneità fisica alla mansione espletata, come sarà ancora possibile per il personale del trasporto urbano pubblico, non essendo stata modificata la disposizione speciale di cui al comma 6 dell'articolo 3 del decreto legislativo n. 414 del 1996 che, in materia di età pensionabile, conferma le disposizioni di cui all'articolo 5 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 503 (circolare INPS n. 35 del 14 marzo 2012);

il trattamento del Fondo speciale permetteva tali requisiti particolari per l'accesso alla pensione di vecchiaia ai lavoratori del settore dei trasporti ferroviari in considerazione della gravosità e peculiarità del lavoro svolto;

in virtù del precedente trattamento pensionistico particolare questa categoria di lavoratori è stata esclusa dalla normativa previdenziale prevista per gli addetti a lavori particolarmente faticosi e pesanti, regolamentati dalla legge 4 novembre 2010, n. 183, dal decreto legislativo 21 aprile 2011, n. 67, e dall'articolo 24, comma 17, del citato decreto-legge n. 201 del 2011 che attualmente normano appunto i cosiddetti lavori usuranti;

inoltre è stata abolita una serie di benefici acquisiti nel tempo come la maggiorazione contributiva ogni 10 anni effettivi di lavoro svolto nella mansione di addetto alla condotta treni e la pensione privilegiata per invalidità per motivi di servizio,

si chiede di sapere:

quali iniziative normative il Governo intenda promuovere per tutelare tali lavoratori consentendo loro un graduale innalzamento dei requisiti di pensionamento ed equiparandoli agli addetti a lavorazioni particolarmente faticose e pesanti, in considerazione del fatto che sono adibiti a mansioni inerenti alla sicurezza del trasporto ferroviario ed è di rilevanza assoluta la loro integrità psicofisica, che con l'avanzare dell'età può inevitabilmente subire un decadimento;

come ritenga di intervenire per quanto di propria competenza affinché, visti gli effetti degli attuali sistemi di liberalizzazione del mercato, si possa equiparare tutto il personale addetto alle attività ferroviarie che attualmente risulta differenziato nei requisiti di accesso alla pensione per il solo fatto di essere dipendente di imprese diverse e iscritto a diverse gestioni pensionistiche, pur svolgendo le medesime prestazioni ed attività.

(4-07831)