• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.4/07774 [Problemi nei collegamenti ferroviari Bergamo-Milano]



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-07774 presentata da MARIA ALESSANDRA GALLONE
martedì 26 giugno 2012, seduta n.751

GALLONE - Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti - Premesso che gli utenti che utilizzano i collegamenti ferroviari Bergamo-Milano, ormai da lungo tempo, registrano condizioni igienico-sanitarie, assolutamente deficitarie, aggravate dal malfunzionamento dei condizionatori d'aria e dall'inadeguatezza del numero dei posti a sedere rispetto al numero dei passeggeri, in gran parte pendolari;

considerato che:

l'aria condizionata non è presente, oppure non funziona, su tutte o quasi tutte le carrozze dei treni che collegano Bergamo a Milano e tale grave disservizio crea notevoli disagi soprattutto nei mesi estivi;

i finestrini delle carrozze sono "sigillati" ovvero non possono essere aperti, proprio in virtù del fatto che, al loro interno, dovrebbe sempre funzionare l'aria condizionata; i passeggeri, quindi, sono costretti a viaggiare "ingabbiati" per tutta la durata del percorso, privi anche di un salubre riciclo dell'aria;

nelle medesime carrozze le condizioni climatiche sono pessime anche nei mesi invernali;

molto spesso perfino le condizioni igieniche in cui versano le carrozze risultano del tutto insufficienti, a volte fino al punto di suscitare addirittura quasi un senso di nausea;

all'interrogante risulta che nessuna delle nuove carrozze acquistate per migliorare la qualità dei servizi ferroviari sarebbe destinata ai treni locali o interregionali;

l'età media delle carrozze attualmente in circolazione, come dichiara TreNord, è di 30 anni;

il numero delle carrozze, inoltre, è limitato anche in relazione alla carenza di personale a bordo dei treni. Per regolamento, infatti, se è presente solo il capotreno, ci possono essere al massimo solo 5 carrozze aperte;

la mancanza di personale e di controlli nei treni agevola, inoltre, anche il proliferare di comportamenti illegali e scorretti: accattonaggio, viaggiatori senza biglietto, persone con i piedi sui sedili. È sempre più frequente, infine, che i vecchi convogli siano eletti a dimora da sempre più numerosi homeless;

a fronte di investimenti notevoli come quelli per il raddoppio della tratta Bergamo-Treviglio e il quadruplicamento della tratta Treviglio-Milano, i tempi di percorrenza sono rimasti invariati. L'unica previsione di miglioramento riguarderebbe l'inserimento di 2 treni veloci al giorno che probabilmente non potrebbero essere usati dai pendolari né per gli alti costi, né per le fasce orarie, e che permetterebbero un risparmio di circa 7 minuti,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza di quanto esposto;

se ritenga di doversi adoperare al fine di recuperare urgentemente gli investimenti necessari per migliorare questa situazione;

se ritenga di dover intervenire nei modi e con i mezzi che riterrà più opportuni al fine di conseguire un miglioramento delle condizioni di viaggio dei pendolari delle tratte citate;

se ritenga doveroso prestare la massima attenzione affinché Trenitalia rispetti gli impegni assunti nell'ambito degli accordi relativi alle tratte citate.

(4-07774)