• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.4/07575 [Violazioni dei diritti umani fondamentali in Kazakistan]



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-07575 presentata da ROBERTO DELLA SETA
mercoledì 30 maggio 2012, seduta n.733

DELLA SETA, PERDUCA - Al Ministro degli affari esteri - Premesso che:

sono trascorsi oltre 20 anni dalla dichiarazione di indipendenza del Kazakistan dall'Unione sovietica, proclamata il 16 dicembre 1991;

dal 1994 Nursultan Nazarbayev è ininterrottamente Presidente della Repubblica;

l'Osce ha contestato la regolarità e legittimità democratiche delle ultime elezioni politiche kazache svoltesi il 16 gennaio 2012, che hanno riconfermato il predomonio di Nazarbayev;

nel Paese la libertà di parola e di stampa è fortemente limitata. La maggior parte dei massmedia è controllata dal Governo, in via diretta o attraverso pressioni di ogni genere esercitate sui proprietari. I pochi organi di stampa indipendenti, come il quotidiano "Respublika", sono periodicamente fatti oggetto di atti repressivi e intimidatori;

il 25 febbraio 2012, Bolat Abilov e Amirzhan Kosanov, dirigenti del partito di opposizione Osdp/Azat, sono stati prima fermati a Almaty poi sono rimasti agli arresti amministrativi per oltre 15 giorni, assieme a Vladimir Kozlov, ancora in stato di detenzione, e ad altre 40 persone, di cui attualmente 37 processate, per aver partecipato a una dimostrazione, il 16 dicembre 2011, a sostegno dello sciopero attuato dai lavoratori del settore petrolifero. Proprio per verificare gli eventi del 16 dicembre 2011 e le loro conseguenze, dal 23 al 30 aprile 2012 una delegazione comprendente attivisti dei diritti umani e giornalisti ha visitato il Kazakistan su invito della fondazione "Open dialog". I membri della delegazione hanno concordemente espresso la loro preoccupazione per la violenta repressione dello sciopero e la persecuzione giudiziaria contro quanti vi hanno partecipato, e hanno chiesto pubblicamente al Governo kazako di garantire, in questo come in tanti altri casi, standard minimi di rispetto dei diritti umani;

due nuovi, gravissimi episodi sono avvenuti nei giorni scorsi, il primo è il fermo con il successivo rilascio, da parte dei servizi di sicurezza del regime di Nazarbayev di una giornalista del quotidiano "Respublika", Irina Mednikova, e della direttrice della diffusione della stessa testata, Yulia Kozlova; il secondo è stato l'arresto, per due mesi, di Igor Vinyavskiy, successivamente rilasciato il 16 marzo 2012;

Kazakistan e Italia hanno rapporti economici intensi. Le nostre importazioni ammontano a circa 13 miliardi di dollari all'anno (soprattutto petrolio), mentre l'export supera il miliardo. Inoltre, aziende italiane come Italcementi sono tra i maggiori investitori stranieri nel Paese,

si chiede di conoscere se il Ministro in indirizzo non intenda immediatamente assumere, attraverso i canali diplomatici diretti nonché nell'ambito dell'Unione europea, iniziative concrete nei confronti del Governo del Kazakistan affinché cessino le sistematiche violazioni dei diritti umani fondamentali.

(4-07575)